Palaeodictyoptera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Palaeodictyoptera
Immagine di Palaeodictyoptera mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Ordine Palaeodictyoptera

I paleodittiotteri (Palaeodictyoptera) sono un ordine estinto di insetti, vissuti tra il Carbonifero medio e il Permiano superiore. Erano caratterizzati da grosse dimensioni e da un paio di ali aggiuntive.

Insetti con sei ali[modifica | modifica sorgente]

L'aspetto generale di questi insetti era quello di libellule dall’addome espanso, ma vi erano molte caratteristiche più primitive. Ad esempio, le varie parti della bocca andavano a formare una sorta di becco, mentre le due paia di grandi ali erano precedute da un paio di piccole ali; queste ultime, in realtà, avevano la funzione di stabilizzatori durante il volo. Le ali erano spesso percorse da nervature profonde e alcuni fossili mostrano una traccia di colore vivace. Alcuni paleodittiotteri raggiunsero dimensioni davvero notevoli (come Scepasma mediomatricorum e soprattutto Mazothairos enormis, dall’apertura alare di 55 centimetri), ma la maggior parte si attestava sulle dimensioni delle più grandi libellule odierne. Le forme più note sono Stenodictya lobata e la piccola Lemmatophora typa, che alcuni ascrivono all'ordine dei Protorthoptera.

Gruppo parafiletico[modifica | modifica sorgente]

I paleodittiotteri costituiscono un gruppo parafiletico piuttosto che un clade ben definito, poiché essi diedero origine a svariati ordini di insetti. In ogni caso, alcuni paleontologi preferiscono utilizzare il nome di paleodittiotteroidi (Palaeodictyopteroidea).


Bibliografia[modifica | modifica sorgente]


Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi