Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Pak Fauj

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pak Fouj
Flag of the Pakistani Army.svg
Descrizione generale
Attiva 14 agosto 1947
Nazione Pakistan Pakistan
Servizio esercito
Dimensione 642 892 attivi
500 000 riserva
Stato Maggiore Rawalpindi
Battaglie/guerre
Sito internet sito ufficiale
Parte di
Ministero della difesa
Comandanti
Capo di Stato Maggiore Gen. Raheel Sharif

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

L'Esercito pakistano (in Urdu پاک فوج Pak Fauj) è la componente terrestre delle forze armate pakistane. Si è costituito dopo l'indipendenza del Pakistan a partire dal 1947. È una forza armata professionalizzata che non prevede la leva obbligatoria.[1] Il Pakistan è l'unica nazione del mondo islamico che ha delle donne in posizioni di comando militare importanti e che rivestono il grado di ufficiale generale.[2] Le donne possono svolgere il loro servizio anche in territorio ostile e partecipare a operazioni militari.[2] Secondo le stime dell'International Institute for Strategic Studies (IISS) nel 2012 gli effettivi dell'esercito erano 642 892 ai quali andavano aggiunti circa 500 000 riservisti che portavano il totale del personale a disposizione a 1 142 000.[3] La Costituzione del Pakistan prevede la possibilità di ricorrere alla coscrizione obbligatoria in caso di necessità, ma l'istituto non è mai stato adottato.

Il Presidente del Pakistan ricopre l'incarico di comandante in capo civile. Il Capo di stato maggiore dell'esercito pakistano è un generale a quattro stelle ed è nominato dal presidente che deve consultarsi e ricevere la conferma dal primo ministro.[4] L'esercito del Pakistan è attualmente comandato dal generale Raheel Sharif.[5][6]

A partire dalla sua costituzione nel 1947, l'esercito insieme insieme con le altre forze armate nazionali, la marina militare, i Marines e l'aeronautica militare, ha preso parte a tre conflitti con la confinante India e a numerosi scontri di frontiera con l'Afghanistan.[7]. Alcuni contingenti hanno fatto parte delle coalizioni arabe che hanno combattuto nei conflitti arabo-israeliani e sono stati inseriti nelle forze della coalizione contro l'Iraq nella prima Guerra del Golfo. Più recentemente, le principali operazioni belliche dell'esercito pakistano sono state l'Operazione Zarb-e-Azb, l'Operazione Toar-e-Tander e l'Operazione Rah-e-Nijat contro i Talebani. Oltre che in questi conflitti, il Pak Fauj è stato impegnato attivamente in forze di peacekeeping sotto l'egida dell'ONU, rivestendo un ruolo importante nel salvataggio dei militari statunitensi che presero parte alla battaglia di Mogadiscio del 1993, rimanendo intrappolati in città.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Declan Walsh, Book shines light on Pakistan military's '£10bn empire' in The Guardian (London), 31 maggio 2007.
  2. ^ a b ISPR Officials, Pakistan: Woman in running to become first 3 star general in Indian Express (New Delhi), Indian Express Group of Newspapers, 2 settembre 2012, p. 1.
  3. ^ International Institute for Strategic Studies; Hackett, James (ed.) (7 marzo 2012). The Military Balance 2012. London: Routledge. ISBN 1857436423. in International Institute for Strategic Studies, 7 marzo 2012.
  4. ^ Article 243. URL consultato il 18 gennaio 2013.
  5. ^ Amir Qureshi, Pakistan's Top Military Officer Cancels Trip to US in ABC news, 2011. URL consultato il 18 gennaio 2013.
  6. ^ BBC, New Pakistan Chairman of Joint Chiefs of Staff named in BBC Pakistan, 29 settembre 2010. URL consultato il 18 gennaio 2013.
  7. ^ History of Pakistan Army. URL consultato il 18 gennaio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cloughley, Brian. A History of the Pakistan Army: Wars and Insurrections, 3rd edition. Oxford: Oxford University Press, 2006. ISBN 978-0-19-547334-6.

Altre letture[modifica | modifica wikitesto]

  • Ayub, Muhammad. An Army, Its Role and Rule: A History of the Pakistan Army from Independence to Kargil, 1947–1999. Pittsburgh, Pennsylvania: Rosedog Books. ISBN 0-8059-9594-3.
  • Cloughley, Brian. "War, Coups and Terror - Pakistan's Army in Years of Turmoil" (from 1972 to 2008). UK, Pen & Sword Books. ISBN 1-84415-795-4.
  • Siddiqa, Ayesha. "Military Inc. Inside Pakistan's Military Economy" Karachi: Oxford University Press(2007). ISBN 978-0-19-547495-4

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Siti ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Siti informativi[modifica | modifica wikitesto]


guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra