Pëtr Aleksandrovič Čichačëv

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pëtr Čichačëv

Pëtr Aleksandrovič Čichačëv, in russo: Пётр Александрович Чихачёв? (Gatčina, 16 agosto 1808Firenze, 13 ottobre 1890), è stato uno storico, naturalista e geografo russo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni Quaranta dell'Ottocento fu ambasciatore a Istanbul e visitò l'Anatolia, la Siria, l'Egitto e i monti dell'Altaj, fra Mongolia e Russia.

Raccolse le memorie dei suoi viaggi in numerosi saggi, tra cui Voyage scientifique dans l'Altaï oriental et les parties adjacentes de la frontière de Chine (1845), Asie Mineure; description physique, statistique et archéologique de cette contrée (1853-69), Le Bosphore et Constantinople (1864), Le Bosphore et Constantinople (1864 e 1877), Considerations geologiques sur les Ales Oceaniques (1878), e Espagne, Algerie et Tunisie (1880).

Fu il primo autori di dedicare un saggio completo alla geologia di Italia meridionale corredato con una mappa geologica del territorio [1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ van Dijk, J.P., Affinito, V., Atena, R., Caputi, A., Cestari, A., D'Elia, S., Giancipoli, N., Lanzellotti, M., Lazzari, M., Orioli, N., and Picone, S. (2013); Cento Anni di Ricerca Petrolifera - L'Alta Val d'Agri (Basilicata, Italia meridionale). Atti del 1º Congresso dell’Ordine dei Geologi di Basilicata, “Ricerca, Sviluppo ed Utilizzo delle Fonti Fossili: Il Ruolo del Geologo”, Potenza, 30 novembre – 2 dicembre 2012, pp. 29-76.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]