Osservatorio astronomico di Maiorca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Osservatorio astronomico di Maiorca
Medienkuppel planetarium mallorca.jpg
La volta del planetario.
Organizzazione Governo delle Isole Baleari
Codice 620
Stato Spagna Spagna
Località Costitx
Coordinate 39°38′33.1″N 2°57′01.86″E / 39.642528°N 2.950517°E39.642528; 2.950517Coordinate: 39°38′33.1″N 2°57′01.86″E / 39.642528°N 2.950517°E39.642528; 2.950517
Fondazione 1991
Sito www.oam.es/

L'osservatorio astronomico di Maiorca (in spagnolo Observatorio Astronómico de Mallorca), comunemente abbreviato in OAM, è un osservatorio astronomico situato nei pressi di Costitx sull'isola spagnola di Maiorca, alle coordinate 39°38′33.1″N 2°57′01.86″E / 39.642528°N 2.950517°E39.642528; 2.950517. Il suo codice MPC è 620 Observatorio Astronomico de Mallorca.[1][2]

L'osservatorio è stato inaugurato nel 1991 e si è posto all'avangurdia tecnologica tra gli osservatori spagnoli per l'uso di telescopi a controllo automatico per lo studio dei corpi minori del sistema solare. Coordina inoltre le attività dell'Osservatorio astronomico di La Sagra in Andalusia.

Il Minor Planet Center lo accredita per la scoperta di cinquantanove asteroidi effettuate tra il 1999 e il 2009. Inoltre presso di esso altri astronomi hanno scoperto vari asteroidi accreditati a titolo personale.

Presso le strutture di Costitx è attivo anche un planetario.

Asteroidi scoperti: 59[3][4]
73533 Alonso 25 luglio 2003
120141 Lucaslara 7 aprile 2003
128036 Rafaelnadal 28 maggio 2003
164589 La Sagra[5] 11 agosto 2007
171458 Pepaprats[5] 7 ottobre 2007
178267 Sarajevo[5] 31 dicembre 2007
185164 Ingeburgherz[5] 27 settembre 2006
185560 Harrykroto 7 gennaio 2008
185638 Erwinschwab[5] 1 marzo 2008
185639 Rainerkling[5] 2 marzo 2008
187700 Zagreb[5] 2 marzo 2008
189848 Eivissa 23 marzo 2003
202787 Kestecher[5] 25 luglio 2008
212981 Majalitović[5] 14 febbraio 2009
228133 Ripoll[5] 20 agosto 2009
236987 Deustua[5] 26 agosto 2008
236988 Robberto[5] 25 agosto 2008

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Lista dei codici degli osservatori, IAU Minor Planet Center. URL consultato il 18 agosto 2012.
  2. ^ Circolare MPC 31320 del 13 marzo 1998, IAU Minor Planet Center. URL consultato il 18 agosto 2012.
  3. ^ Lista alfabetica degli scopritori di asteroidi, IAU Minor Planet Center. URL consultato il 18 agosto 2012.
  4. ^ Dati aggiornati al 18 agosto 2012. Nell'elenco appaiono solamente gli asteroidi con denominazione definitiva.
  5. ^ a b c d e f g h i j k l Dall'Osservatorio astronomico di La Sagra.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]