Oriolus isabellae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Oriolo di Isabela
Immagine di Oriolus isabellae mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 CR it.svg
Critico[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Passeriformes
Famiglia Oriolidae
Genere Oriolus
Specie O. isabellae
Nomenclatura binomiale
Oriolus isabellae
Ogilvie-Grant, 1894

L'oriolo di Isabela (Oriolus isabellae Ogilvie-Grant, 1894) è un uccello della famiglia degli Oriolidi.[2]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

È endemico di Luzon, l'isola più grande delle Filippine.[1]
La sua presenza è stata accertata solamente in tre località della Provincia di Bataan e in altre cinque del nord-est dell'isola. Nel 1961, nei pressi di San Mariano, sulla Sierra Madre, furono catturati undici esemplari nel corso di undici giorni: negli habitat idonei, quindi, sembrerebbe che la specie non sia così rara. Tuttavia, negli ultimi anni, nel nord-est dell'isola, nonostante il gran numero di spedizioni effettuate alla sua ricerca, la presenza della specie è stata registrata solamente in appena tre località (nella Provincia di Quirino, nella Provincia di Cagayan e, nel 2003-06, ad Ambabok e nei pressi di Dunoy, nella Provincia di Isabela). Nella Provincia di Bataan la specie non è più stata avvistata dal 1947 e una serie di sopralluoghi svolti nel 2006 nelle foreste incontaminate delle pendici orientali della Sierra Madre non ha riscontrato la presenza della specie.

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

La specie ha un areale molto frammentato ed una popolazione relativamente esigua; per tali motivi è considerata dalla IUCN Red List in pericolo critico di estinzione (Critically Endangered).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) BirdLife International 2012, Oriolus isabellae in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Oriolidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 6 maggio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]