Oloferne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Oloferne (disambigua).
Oloferne decapitato - particolare dalla Cappella Sistina

Oloferne è una figura biblica. Era il condottiero dell'esercito assiro che assediava Betulia. Fu ucciso da Giuditta. Oloferne è divenuto figura proverbiale di superbia punita, e come tale è citato da Dante nel Purgatorio e rappresentato in numerosi quadri, ad esempio dal Caravaggio.

Oloferne era un generale delegato da Nabucodonosor II (presentato come assiro, ma in realtà babilonese) che, dopo aver conquistato vari territori, assediò Betulia e Betomenstaim in Giudea. Durante l'assedio Giuditta, donna giudea famosa per la sua intelligenza, si introdusse nell'accampamento dicendo di aver tradito il suo popolo e dopo averlo ubriacato lo decapitò lasciando l'esercito assiro senza comandante.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]