Nyctimene keasti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pipistrello della frutta dalle narici a tubo di Keast
Immagine di Nyctimene keasti mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Chiroptera
Sottordine Megachiroptera
Famiglia Pteropodidae
Genere Nyctimene
Specie N. keasti
Nomenclatura binomiale
Nyctimene keasti
Kitchener, 1993
Sottospecie
  • N. keasti keasti
  • N. keasti babari
  • N. keasti tozeri


Il pipistrello della frutta dalle narici a tubo di Keast (Nyctimene keasti Kitchener, 1993) è un pipistrello appartenente alla famiglia degli Pteropodidi, endemico delle Isole della Sonda e delle Isole Molucche.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Pipistrello di medie dimensioni, con lunghezza dell’avambraccio tra 58 e 68,3 mm, la lunghezza della coda tra 18 e 25,4 mm e un peso fino a 30 g.[3][4]
Il colore del dorso è fulvo, mentre la gola, il petto e l'addome sono giallo ocra. Le parti ventrali sono color cannella. Le femmine sono più chiare. La banda dorsale è larga soltanto fino a 3,5 mm, color bruno olivastro e si estende nella metà inferiore della schiena. Sono presenti delle macchie gialle sulle orecchie e sull'avambraccio, mentre le membrane alari sono ricoperte di macchie nerastre.
La sottospecie N.k. babari è la più grande, ha il colore del dorso marrone arancio e la linea dorsale che parte dal collo fino alla base della coda.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

██ N.k. keasti

██ N.k. tozeri

██ N.k. babari


Questa specie è endemica delle Isole della Sonda e delle Isole Molucche.[1]

Vive nelle foreste secondarie con un sottobosco di piante dei generi Ficus, Erythrina, Podocarpus e Albizia e nei giardini fino a 1000 metri di altitudine.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Sono state riconosciute tre sottospecie.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List, considerato che il suo areale è frammentato e la sua popolazione è in declino a causa della perdita del proprio habitat, classifica N. keasti come specie vulnerabile (VU).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d (EN) Helgen, K. & Hutson, A.M. 2008, Nyctimene keasti in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Nyctimene keasti in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Bergmans, 2001, op. cit.
  4. ^ Kitchener & Al., 1995, op. cit.
  5. ^ Kristofer M. Helgen & Don E. Wilson, The Bats of Flores, Indonesia, with remarks on asian Tadarida in Breviora, vol. 511, 2002.
  6. ^ Robert E. Goodwin, The bats of Timor: systematics and ecology in Bulletin of the AMNH, vol. 163, 1979.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi