Nino Tirinnanzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nino Tirinnanzi (Greve in Chianti, 1923Greve in Chianti, 2002) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ebbe come insegnante Domenico Giuliotti. In seguito si iscrisse all'Istituto d'Arte di Firenze che lasciò nel 1936 dopo aver conosciuto Ottone Rosai di cui fu allievo e grazie al quale venne introdotto nell'ambiente artistico e culturale delle Giubbe Rosse. Qui conobbe e frequentò Eugenio Montale, Mario Luzi, Elio Vittorini, Vasco Pratolini, Alessandro Parronchi e Piero Bigongiari.

Come pittore ha esposto per la prima volta nel 1947 alla galleria d'arte Il Fiore. Nel 1951 viene invitato alla Biennale di Venezia e in seguito alla Quadriennale di Roma. Nel 1953 gli viene assegnato il premio Olivetti al 5º Premio Nazionale "Golfo della Spezia". Nel 1954 si tiene una sua personale a Milano introdotta da una saggio di Pier Carlo Santini. Nel 2006 si tiene una sua personale nella sala d'armi di Palazzo Vecchio in occasione dei 40 anni di carriera.

Il suo stile pittorico fu influenzato dal Rosai e si caratterizza per il disegno delicato, per la tranquillità delle composizioni e il colore inondato di luce poetica. Le sue opere si trovano esposte in numerose raccolte d'arte pubbliche e private in Italia e fuori.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA .VV, Il Chianti e il fascismo, Firenze, Edizioni Firenzelibri, 2007, ISBN 88-7622-045-3.