Nikifor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il nome proprio, vedi Niceforo.
Nikifor

Nikifor, conosciuto anche come Nikifor Krynicki o Epifaniusz Drowniak (21 maggio 189510 ottobre 1968), è stato un pittore polacco.

Fu un pittore folk e naïf, che dipinse il popolo dei Lemko, una popolazione e gruppo etno-linguistico di origine ucraina diffusa nelle aree carpatiche della Polonia. Nikifor dipinse più di quarantamila disegni - su fogli di carta, pagine di bloc-notes, cartoni di sigarette e anche su scarti di carta incollati assieme. Gli argomenti della sua arte includono auto-ritratti e panorami di Krynica, con le sue terme e le chiese ortodosse e cattoliche. Sottostimato per la maggior parte della sua vita, nei suoi ultimi giorni divenne uno dei più famosi pittori primitivisti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Poco è conosciuto della vita privata di Nikifor. Per la maggior parte della sua vita visse in estrema povertà a Krynica e fu considerato una persona con poca capacità mentale. Ebbe difficoltà a parlare ed era quasi analfabeta. Non fu troppo tardi nella sua vita che si scoprì che, di fatti, la sua lingua era attaccata al palato, ragion per cui la sua parola non era molto comprensibile. Nel 1930 i suoi primi dipinti sono stati scoperti da Roman Turyn, che li portò a Parigi. Ciò fece conquistare a Nikifor un po' di fama tra i Kapist, un gruppo di giovani pittori polacchi capeggiati da Józef Pankiewicz. Comunque, ciò non cambiò il suo fato e la sua arte continuò ad essere sottostimata in Polonia. Nel 1938 Jerzy Wolff pubblicò una recensione entusiastica dell'arte di Nikifor nel mensile Arkady e comprò alcuni dei suoi lavori. Comunque, la Seconda guerra mondiale impedì a Nikifor di conquistare una qualunque notorietà.

Nel 1960 Nikifor incontrò Marian Włosiński, un pittore che viveva a Krynica. Quest'ultimo decise di dedicare la sua carriera e la sua vita nell'aiutare il vecchio artista e propose i suoi lavori nelle maggiori gallerie polacche. Ciò portò ad una grande esibizione nella galleria d'arte Zachęta, a Varsavia, che divenne un enorme successo. Dopo la morte di Nikifor nel 1968, la maggior parte dei suoi lavori fu preservata da Włosiński e donata a vari musei. La più completa collezione risiede nel Museo Regionale di Nowy Sącz e nel museo di Nikifor di Krynica.

Gli ultimi anni di Nikifor sono stati il tema base del film Mój Nikifor (Mio Nikifor) di Krzysztof Krauze (2004).

Nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome e il cognome di Nikifor sono stati motivo di disputa per più di mezzo secolo, dato che l'artista non conobbe i suoi parenti, né tantomeno documenti e fu anche analfabeta. Egli stesso firmava i suoi lavori con nome di Nikifor, Netyfor o con quello dell'artista Matejko. Nel 1962 le autorità comuniste di Polonia scelsero arbitrariamente il nome di Nikifor Krynicki (Nikifor di Krynica) in modo da far ottenere all'artista un passaporto. Questo atto fu dichiarato nullo da una corte nel 2003, seguendo una richiesta dell'Associazione Lemko della Polonia. I Lemko affermano che Nikifor fu battezzato Epifaniy Drovnyak (pronunciato Epifaniusz Drowniak in polacco) e che i suoi genitori fossero Eudokia Drowniak, una sordomuta Lemko ed un padre sconosciuto. Seguendo la decisione della corte il nome sulla tomba nel cimitero di Krynica fu cambiato. Ad oggi la sua tomba riporta due nomi: "Nikifor Krynicki" (in lettere latine) e "Epifaniy Drovnyak" (in cirillico).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 26021563 LCCN: n84236828