Nicasio di Reims

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nicasio di Reims
Martirio di san Nicasio, vetrata della cattedrale di Soissons (XIII secolo)
Martirio di san Nicasio, vetrata della cattedrale di Soissons (XIII secolo)

Vescovo e martire

Nascita Reims, IV secolo
Morte Reims, 407
Venerato da Chiesa cattolica
Ricorrenza 14 dicembre
Attributi bastone pastorale, palma
Patrono di Reims

Nicasio di Reims (Reims, IV secoloReims, 407) fu a capo della diocesi di Reims alla fine del IV secolo; si fece uccidere dai Vandali che avevano invaso la città per salvarne gli abitanti.

È venerato come santo dalla chiesa cattolica.

Agiografia[modifica | modifica sorgente]

Le notizie sulla sua vita risalgono al X secolo e consistono in un capitolo dell'Historia Remensis ecclesiae, scritto dallo storico Flodoardo. Si riporta che fosse vissuto nel IV secolo a Reims, con la sorella Eutropia, e che fosse divenuto vescovo della città.

Secondo il racconto, quando in città giunse la notizia che era imminente la venuta dei Vandali egli invitò la popolazione a pregare e fare penitenza.Quando gli chiesero se avrebbero dovuto resistere o arrendersi egli rispose: “ Aspettiamo la misericordia di Dio e preghiamo per i nostri nemici. Sono pronto a offrirmi in sacrificio per il mio popolo.” Per tentare di fermare i barbari, insieme alla sorella Eutropia, al diacono Fiorenzo e al lettore Giocondo, si pose davanti alla porta della Cattedrale di Reims dedicata alla Vergine Maria, che lui stesso aveva fatto costruire, e insieme recitavano i salmi, ma furono decapitati. Pare che la testa mozzata di Nicasio abbia continuato a pregare, perciò i Vandali si spaventarono e si ritirarono. Le spoglie di Nicasio e della sorella vennero seppellite nella chiesa dedicata a sant'Agricola, che poi fu dedicata a lui e attorno alla quale nacque un'abbazia benedettina.

Culto[modifica | modifica sorgente]

Il Martirologio romano fissa la memoria liturgica il 14 dicembre.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Alban Butler, Il primo grande dizionario dei santi secondo il calendario, Casale Monferrato, Edizioni PIEMME S.p.A, 2001. ISBN 88-384-6913-X

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Successioni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo di Reims Successore BishopCoA PioM.svg
Severo
390 - 400
400 - 407 Barucius
407 - 441