Never Come Undone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Never Come Undone
Artista La Dispute, Koji
Tipo album EP
Pubblicazione 3 maggio 2011
Durata 15 m : 38 s
Dischi 1
Tracce 2
Genere Rock acustico
Indie rock
Etichetta No Sleep Records
Registrazione StadiumRed, Harlem (La Dispute) e Drasik Studios, Chicago (Koji)
Formati Vinile
La Dispute - cronologia
EP successivo
(2011)
Koji - cronologia
Album precedente
(2010)
Album successivo
(2013)

Never Come Undone è uno split dei La Dispute e Koji, pubblicato il 3 maggio 2011 dalla No Sleep Records.

Background[modifica | modifica sorgente]

I La Dispute e Koji si sono conosciuti nel 2009 attraverso il manager di Koji, molto attivo nell'organizzazione di concerti nel Michigan, terra natale dei La Dispute. I due artisti hanno subito scoperto di condividere numerosi pensieri e idee, ed hanno quindi trovato come qualcosa di naturale la realizzazione di un album insieme.[1]

Come presentato sul sito della No Sleep, questo disco è innanzitutto "un tentativo di trascendere le differenze musicali", e di dimostrare che "dove esiste una comunità d'intenti sul piano etico ed emozionale, queste differenze sono irrilevanti".[2]

Il batterista dei La Dispute, Brad Vander Lugt, ha suonato la batteria nelle canzoni di Koji ed ha aiutato il cantautore con la produzione.[1]

Le prime due tracce sono canzoni inedite, mentre le altre due sono non inedite. La canzone Last Blues, dei La Dispute, è una versione alternativa di Last Blues for Bloody Knuckles, già presente sull'album di debutto Somewhere at the Bottom of the River Between Vega and Altair (2008). Il testo è lo stesso, ma è più parlato che cantato, e anche la musica è molto più soft e tranquilla che nella prima versione. Biomusicology è invece una cover dell'omonima canzone di Ted Leo, dall'album The Tyranny of Distance (2001).

Le canzoni affrontano tutte uno stesso tema, che è quello della perdita di qualcosa o qualcuno di caro, e la reazione a questo evento.[2]

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Tutti i testi dei La Dispute sono di Jordan Dreyer; tutti quelli di Koji sono di Andrew Koji Shiraki.

  1. Sunday Morning, at a Funeral (La Dispute) – 2:48
  2. Peacemaker (Koji) – 2:55
  3. Last Blues (La Dispute) – 4:17
  4. Biomusicology (Koji, cover di Ted Leo) – 5:38

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

Prima edizione
  • 20 copie di prova in Nero/Nero
  • 500 copie in Viola/Nero
  • 500 copie in Viola/Viola
  • 1000 copie in Nero/Nero
Seconda edizione
  • 500 copie in Arancione/Arancione
  • 500 copie in Giallo/Giallo[3]

Formazione[modifica | modifica sorgente]

La Dispute[modifica | modifica sorgente]

Koji[modifica | modifica sorgente]

Altro personale[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Interviews: La Dispute / Native www.scenepointblank.com
  2. ^ a b Never Come Undone ladispute.bandcamp.com
  3. ^ Koji, La Dispute "Never Come Undone" www.nosleepstore.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]