Nardo di Cione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paradiso, Cappella Strozzi, Santa Maria Novella

Nardo (Leonardo) di Cione (Firenze, ... – 1366) è stato un pittore e architetto italiano, fratello dell'Orcagna (ovvero Andrea di Cione ) e di Jacopo, Benci e Matteo di Cione, pure artisti.

Il suo nome completo era Leonardo, e non come già ipotizzato Bernardo, come risulta dal suo testamento, datato 1365. Suo padre era forse un orafo, che avviò lui e i fratelli alle attività artistiche. Sebbene le premesse furono comuni a tutti gli artisti, col tempo essi presero strade diverse. Nardo è considerato quello più "espressionista", maggiormente legato cioè alla resa degli stati d'animo e delle emozioni dei personaggi.

La sua opera fondamentale sono gli affreschi, dipinti insieme a Giovanni Del Biondo, del Giudizio Universale, Inferno e Paradiso nella Cappella Strozzi in Santa Maria Novella, del 1351-1357. Il suo stile è fortemente influenzato da Giotto anche se non ne conserva la spazialità e il realismo e si esprime con un linguaggio autonomo quasi più arcaico, nonostante che l'opera di Nardo sia posteriore a di Giotto. Resti di affreschi a lui attribuiti si trovano anche nella Badia Fiorentina.

Tra le opere su tavola Cristo crocifisso con i dolenti e santi (1350 circa) agli Uffizi o il Trittico del Thronum Gratiae (1365) alla Galleria dell'Accademia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Hans Dietrich Gronau, Andrea Orcagna und Nardo di Cione. Eine stilgeschichtliche Untersuchung, Berlin, Deutscher Kunstverlag, 1937.
  • Richard Offner, A critical and historical corpus of Florentine painting, IV/2, Tendencies of Gothic in Florence.Nardo di Cione, New York University, New York1960.
  • A. Tartuferi (a cura di), Dal Duecento agli Orcagna. Il restauro della Madonna col Bambino di ignoto fiorentino del Duecento e del trittico di Santa Maria degli Angeli di Nardo di Cione, Sillabe, Livorno 2001.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]