Myotis findleyi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Myotis findleyi
Immagine di Myotis findleyi mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Vespertilionidae
Sottofamiglia Myotinae
Genere Myotis
Specie M.findleyi
Nomenclatura binomiale
Myotis findleyi
Bogan, 1978
Areale
Distribution of Myotis findleyi.png

Myotis findleyi (Bogan, 1978) è un pipistrello della famiglia dei Vespertilionidi endemico di alcune isole del Messico.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Dimensioni[modifica | modifica sorgente]

Pipistrello di piccole dimensioni, con la lunghezza totale tra 70 e 80 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 29,5 e 33,2 mm, la lunghezza della coda tra 26 e 33 mm, la lunghezza del piede tra 6,1 e 7 mm e la lunghezza delle orecchie tra 11 e 13 mm.[3]

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Il colore generale del corpo varia dal marrone scuro al nero-brunastro, cosparso di peli con le punte giallo-brunastre, che generano un aspetto brizzolato. Le orecchie sono piccole, marroni scure e con un evidente incavo alla base. Il trago è lungo meno della metà del padiglione auricolare ed è appuntito. Le membrane alari sono semi-trasparenti marroni scure e attaccate posteriormente alla base delle dita del piede. I piedi sono grandi, mentre Il calcar è sottile e delicato.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre di insetti.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è endemica delle Isole Marías, lungo la costa centro-occidentale del Messico.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List, considerato l'areale limitato e il declino continuo nell'estensione e nella qualità del proprio habitat, classifica M.findleyi come specie in pericolo (EN).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Arroyo-Cabrales, J. & Ticul Alvarez Castaneda, S. 2008, Myotis findleyi in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Myotis findleyi in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005. ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Bogan, 1978, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Michael A.Bogan, A New Species of Myotis from the Islas Tres Marias, Nayarit, Mexico, with Comments on Variation in Myotis nigricans in Journal of Mammalogy, vol. 59, n. 3, 1978, pp. 519-530.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi