Muhammad Ali Taha

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Muhammad Ali Taha (arabo: طه محمد علي‎) (Mi’ar, 1941) è uno scrittore palestinese. Ha dedicato la vita all’insegnamento ma è stato anche dirigente del partito Comunista di Israele dal 1975 al 1991. Nel 1993 è stato insignito del Premio per la letteratura del Governo di Israele, dalla Ministra Shulamit Aloni. Ha partecipato al 24° Salone Internazionale del Libro di Torino[1][2]. Tra le sue numerose pubblicazioni, Un ponte sul fiume triste (Akka 1974), Id al-Miari vende i dolcetti di sesamo a Tall al-Za‘tar (Akka 1978), Una rosa per i tuoi occhi, Hafiza (Akka 1983), Sarà nel tempo che verrà (Kafr Qar‘ 1989), La palma inclinata (Kafr Qar‘ 1995), La storia dei Banu Balut (Amman 2004).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Libro, palestinesi in Fiera, La Stampa, 27 marzo 2008. URL consultato il 3 settembre 2012.
  2. ^ Muhammad Ali Taha e la torre di Babele, Peacelink, 14 maggio 2011. URL consultato il 3 settembre 2012.

Controllo di autorità VIAF: 212226518