Monocolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monocolo dei primi del ventesimo secolo con montatura in oro.

Il monocolo (a volte chiamato anche caramella[1]) è un tipo di lente utilizzata per correggere o migliorare la vista di un solo occhio. È costituito da una lente circolare, generalmente con una sottile montatura intorno alla circonferenza, che può essere collegata ad un cordino. L'altra estremità del cordino è poi collegato all'abbigliamento di chi indossa il monocolo, per evitare di perderlo. Si indossa, incastrandolo nell'orbita dell'occhio.[2] L'antiquario Philipp von Stosch indossava un monocolo a Roma già nel 1720, al fine di esaminare attentamente incisioni e gemme, ma il monocolo non diventerà un accessorio di moda sino al diciannovesimo secolo. Sarà infatti introdotto nella moda maschile verso il 1790 con l'arrivo del dandysmo. Il suo utilizzo spesso indicava lo stato sociale del suo indossatore, o semplicemente era una forma di eleganza[3] e per tale motivo divenne spesso principale oggetto di caricatura.[1] Fu parzialmente adottato all'inizio del Novecento anche dalle donne[1], ma con il tempo il suo utilizzo è stato quasi completamente abbandonato.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Ludmila Kybalovà, Olga Herbenovà,Milena Lamarovà, Enciclopedia illustrata della moda, Mondadori, 2004.
  2. ^ Dizionario di Italiano - Monocolo
  3. ^ Laura Cocciolo, Davide Sala, Storia illustrata della moda e del costume, Demetra, 2001.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

moda Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moda