Milán Füst

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Milàn Füst (Budapest, 17 luglio 1888Budapest, 26 luglio 1967) è stato uno scrittore, drammaturgo, poeta e esteta ungherese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Milán Füst è stato autore di un’opera vasta e molteplice, oltre che uno scrittore fra i più innovativi e celebri della letteratura ungherese del Novecento. Nacque in una nobile famiglia ebrea decaduta e impoverita.

Nel 1908 conobbe lo scrittore Ernő Osvát e riuscì a pubblicare il suo primo lavoro nella rivista letteraria Nyugat. Fece amicizia con Dezső Kosztolànyi e Frigyes Karinthy.

Dopo aver studiato legge ed economia a Budapest, ha insegnato economia. Nel 1918, divenne direttore dell'Accademia Vörösmarty, ma fu costretto a lasciare l'incarico nel 1921. Nel 1928, a seguito di un esaurimento nervoso, è costretto a trascorrere sei mesi in un ospedale psichiatrico a Baden-Baden. Ne 1904 inizia con grande furia il suo Journal, un lungo diario, opera della quale, parte del lavoro che degli anni tra il 1944 e il 1945, andrà successivamente distrutto. Nel 1947, divenne insegnante alla Képzőművészeti Főiskola. Ha ricevuto il Premio Kossuth nel 1948.

Il suo romanzo più famoso A feleségem története (La storia di mia moglie), è stato pubblicato nel 1942. Passò quasi inosservato fino al 1958 quando apparve in Francia da Gallimard per poi essere tradotto successivamente in una dozzina di lingue e valere all’autore la candidatura al Premio Nobel nel 1965.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 36943924 LCCN: n50015387