Melnick 42

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Melnick 42
Classe spettrale O2If[1]
Distanza dal Sole 170.000 anni luce[2]
Costellazione Dorado
Coordinate
Ascensione retta 05h 38m 28s
Declinazione -69° 05′ 42″
Dati fisici
Raggio medio 28 ± 2[3] R
Massa
100 ± 13[3] M
Velocità di rotazione 250 km/s[3]
Temperatura
superficiale
50.000 K[1] (media)
Luminosità
3,5 × 106 [1] L
Indice di colore (B-V) 0,06[3]
Età stimata < 2 milioni di anni[2]
Dati osservativi
Magnitudine app.
12,64[3] (media)

Melnick 42 è una stella supermassiccia di magnitudine 12,64 situata nella Nebulosa Tarantola, nella Grande Nube di Magellano a 170.000 anni luce dalla Terra. Con una massa stimata di circa 100 M è una delle stelle più massicce conosciute[3]. La sua luminosità si aggira intorno a 3,5 milioni L[1], una delle più alte conosciute. Compete con S Doradus e con R136a1 per essere la stella più luminosa della sua galassia.

È una stella di classe spettrale O2If[1] molto calda, con una temperatura superficiale di circa 50.000 K e, come le stelle di grande massa è di vita breve; si stima che non abbia più di 2 milioni di anni di vita[2]. Come tutte le stelle della sua classe, emette un impetuoso vento stellare, che raggiunge una velocità di 2900 km/s[3] e che le fa perdere circa una massa solare ogni 100.000 anni[2]. Il suo destino finale è quello di esplodere in una supernova o in una ipernova nel giro di pochi milioni di anni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Crowther, P. A.; Walborn, N. R., Spectral classification of O2-3.5 If*/WN5-7 stars in Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, vol. 416, nº 2, 2011, p. 1311, DOI:10.1111/j.1365-2966.2011.19129.x.
  2. ^ a b c d (EN) Hubble Space telescope studies massive star in neighboring galaxy, NASA.
  3. ^ a b c d e f g (EN) S.R. Heap, B. Altner; D. Ebbets; I. Hubeny; J.B. Hutchings, First results from the Goddard High-Resolution Spectrograph - Spectroscopic determination of stellar parameters of Melnick 42, an O3f star in the Large Magellanic Cloud in Astrophysical Journal, vol. 377, agosto 1991, pp. 29-32. URL consultato il 9 febbraio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]