Mariano José de Larra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mariano José de Larra

Mariano José de Larra (Madrid, 24 marzo 1809Madrid, 13 febbraio 1837) è stato uno scrittore e giornalista spagnolo Nonostante la sua breve vita, è considerato, assieme a Espronceda, Bécquer e Rosalía de Castro, uno dei massimi esponenti del romanticismo spagnolo.

Critico satirico e letterario, giornalista e scrittore costumbrista, pubblicò più di duecento articoli in soli otto anni, tra cui il più famoso è "Castellano viejo", gettando le basi per la saggistica.

Scrisse sotto vari pseudonimi, tra cui Figaro, Duende, Bachiller. Larra rappresentò il Romanticismo democratico in azione. Lontano dal godere di effusioni sentimentali, Figaro pose la Spagna al centro della sua opera critica e satirica. La sua opera deve essere interpretata alla luce del contesto delle Cortes, nate subito dopo il Decennio vergognoso (1823-33) e la Prima guerra Carlista (1833-40)..

== Biografia == Mariano José de Larra nacque il 24 marzo del 1809 a Madrid, in Calle de Segovia, dove si trovava in passato la Casa de la Moneda, nella quale aveva lavorato suo nonno. I suoi genitori erano Mariano de Larra y Langelot e la sua seconda moglie Maria de los Dolores Sanchez de Castro.

Il padre, medico e,si era distinto occupando il posto di medico militare per l'esercito bonapartiano durante la Guerra di Indipendenza, per cui nel 1813, quando il piccolo Mariano aveva quattro anni, la sua famiglia dovette lasciare il Paese seguendo il re Giuseppe Bonaparte nell'esilio, prima a Bordeaux e poi a Parigi.

Grazie all'amnistia promossa da Ferdinando VII, la famiglia poté ritornare in patria nel 1818 e si stabilì a Madrid, dove il padre divenne medico personale dell'infante don Francisco de Paula, uno dei fratelli di re Ferdinando. Larra proseguì gli studi cominciati in Francia a Madrid, e seguì suo padre nelle destinazioni che il suo lavoro gli procurava in tutta la Spagna.

Nel 1824 si trasferì a Valladolid per studiare all'università. L'anno successivo però ritoenò a Madrid. Qui proseguì i suoi studi e nel 1827 entrò nei Volontari Realisti,corpo paramilitare formato da assolutisti convinti. Cominciò ascrivere poesie, soprattutto odi e satire, ma fu il giornalismo satirico a dargli fama. Nel 1828 pubblicò una rivista di saggi mensile chiamata “El duende satíricodel día”, dedicato alla critica della società del tempo.

Larra firmava allora con lo pseudonimo di Duende. Egli non era un oppositore dell'assolutismo bensì un giornalista che criticava la società atttraverso la satira.

Egli faceva parte del “Parnesillo”, gruppo di giovani che si riunivano in un caffè di Madrid per discutere ed esprimere le loro opinioni. Nel dicembre 1828, dopo aver criticato un'altra rivista, e in seguito a una discussione di Larra col direttore della stessa, “El duende” dovette chiudere. Tuttavia, Larra era ormai considerato un rinomato e acuto osservatore della realtà sociale e politica.

Nel 1829 si sposò con Josefa Wetoret Velasco, ma il matrimonio fallì finendo con la separazione pochi anni dopo, diventando una delle cause che lo condussero da lì a poco al suicidio. Ciò nonostante, la coppia ebbe tre figli: Luís, futuro scrittore di zarzuelas, Adela, futura amante di Amedeo I di Savoia e Baldomera, futura sposa del medico reale, Don Carlos de Montemar.

Nel 1830, Larra traduceva opere teatrali francesi per l'impresario Grimaldi e contemporanemate cominciava a scriverne di sue, mettendo in scena la prima l'anno seguente. Lo stesso anno conobbe Dolores Armijo, con cui intraprese una relazione difficile mentre entrambi erano sposati.

Nel 1832 ricominciò a scrivere articoli di critica sociale in diverse riviste, come “El pobrecito hablador” e “La revista española”, quest'ultima di ispirazione liberale. La critica letteraria e politica era inserita in una cornice costumbrista, oltre ad atttacchi ai carlisti che erano passati dall'assolutimo al liberalismo.

Nel 1834 pubblicò il romanzo storico “El doncel de Don Enriqe el Doliente”, il cui protagonista è lo stesso del dramma storico “Macías”, censurato l'anno prima. Entrambe trattano della vita del poeta medievale Macías e dei suoi amori adulterini, tema vicino all'autore.

Nell'estate del 1834, Dolores se ne va da Madrid, abbandonandolo, mentre egli si sta separando dalla moglie.

Nel 1835 Larra si recò a Lisbona, Londra, Bruxelles e Parigi. Restò qui alcuni mesi e conobbe Hugo e Dumas. Quell'anno era stata pubblicata a Madrid una raccolta dei suoi articoli sotto lo pseudonimo di Figaro.

Tornato a Madrid, si mise a collaborare col giornale “El español”, e a concentrarsi sulle questioni politiche, fino a candidarsi a favore dei moderati e a essere eletto deputato ad Avila nel 1836. Tuttavia, i moti di La Granja gli impedirono di esercitare da politico.

L'abbattimento per la situazione politica e sociale spagnola si sommarono al dolore per la separazione definitiva da Dolores Armijo e si rifletterono nei suoi articoli.

Nella notte del 13 febbraio 1837 Dolores Armijo e sua cognata lo visitarono; la donna informò Larra che la loro relazione era definitivamente terminata. Quando le donne se ne furono andate, egli si suicidò sparandosi alla tempia destra, a soli ventisette anni.

Al suo funerale parteciparono moltissime persone; José Zorrilla lesse un'elegia dedicata al giornalista, facendosi conoscere come poeta. La sua sepoltura è cambiata nel corso degli anni; ora si trova nel Panteon degli Uomini Illustri dell'Associazione di Scrittori e Artisti Spagnoli.

Nel 1908, alcuni rappresentanti della generazione del 98, Azorín, Unamuno e Baroja, portarono una corona di fiori sulla sua tomba, omaggio che rappresentava la riscoperta e l'identificazione del gruppo con il pensiero di Larra e con la sua preoccupazione per la Spagna.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 68923955 LCCN: n79069922

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie