Mah

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altre voci che possono riferirsi alla stessa combinazione di 3 caratteri, vedi MAH.

Mah (in persiano ماہ ), nota anche come Mohor (persiano medio) o Maonghah (avestano), è una divinità femminile della mitologia persiana e dello zoroastrismo.

Mitologia persiana[modifica | modifica sorgente]

Mah rappresenta la Luna, regina della notte; ma lo stesso nome indica anche una specie di pesce, che regge il mondo sulla propria schiena. Da questa corrispondenza deriva l'espressione persiana "dalla luna alla luna", az mah ta mahi, col significato di "tutto".

Zoroastrismo[modifica | modifica sorgente]

Nello zoroastrismo, Mah è una degli yazata, i servitori del creatore supremo Ahura Mazda, e rappresenta la pace interiore. Nel calendario zoroastriano le viene dedicato il dodicesimo giorno del mese. Nell'angelologia zoroastriana, Mah è un'assistente di Amesha Spenta, responsabile del benessere degli animali. Quando Angra Mainyu uccide il toro primevo, Mah recupera il suo sperma e lo usa come seme per la creazione di tutti gli altri animali.

Usi moderni[modifica | modifica sorgente]

Mah è un nome proprio femminile molto diffuso in Iran, Afghanistan e Pakistan, e ha numerose varianti, come Mahnur (da mah, "Luna", e nur, "luce").

Altro[modifica | modifica sorgente]

Interiezione che indica scetticismo