Luise Kulmus Gottsched

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luise Kulmus Gottsched

Luise Kulmus Gottsched (Danzica, 11 aprile 1713Lipsia, 26 giugno 1762) è stata una poetessa, scrittrice, saggista e traduttrice tedesca.

Luise Adelgunde Kulmus fu uno dei migliori ingegni europei del tempo; notata per le sue opere dal letterato Johann Christoph Gottsched, dopo una lunga corrispondenza, si sposarono. Dopo il matrimonio, la sua attività di scrittrice si ridusse di molto.

Fu autrice di popolari commedie: Die Pietisterei im Fischbein-Rocke ("Il pietistume in crinolina") del 1736 - una condanna del pietismo: la commedia fu vietata perché conteneva allusioni a fatti realmente avvenuti - è un rifacimento de La femme docteur del gesuita francese Guillaume Bougeant, Die Hausfranzösin ("L'istitutrice francese") del 1744 - una satira dell'educazione formalistica di derivazione francese - Die ungleiche Heirat ("Il matrimonio fra persone di diversa condizione"), del 1745. Fra tutte spicca Das Testament ("Il testamento") del 1745: protagonista è una ragazza di Lipsia, retta e sincera, di educazione illuminista, diversamente dal suo pretendente, nel quale la Kulmus volle rappresentare il tipico suddito tedesco.

Fu anche traduttrice in tedesco degli articoli del noto giornale letterario The Spectator di Joseph Addison, (1739-1743), del Rape of the Lock di Alexander Pope nel 1744 e di altre opere inglesi e francesi.

Dopo la sua scomparsa, il marito pubblicò tutte le sue opere, le Sämtliche kleinere Gedichte, nel 1763.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 27096863 LCCN: n88093628