Lingua caroliniana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Caroliniano
Parlato in Isole Marianne Settentrionali
Persone 3.100
Classifica non nelle prime 100
Scrittura Alfabeto latino
Filogenesi Lingue austronesiane
 Lingue maleo-polinesiache
  Lingue maleo-polinesiache centro-orientali
   Lingue maleo-polinesiache orientali
    Lingue oceaniche
     Lingue micronesiane
      Lingue ponapeic-trukic
Codici di classificazione
ISO 639-3 cal  (EN)
SIL cal  (EN)
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, art. 1
Ang tanang katawhan gipakatawo nga may kagawasan ug managsama sa kabililhon. Sila gigasahan sa salabutan ug tanlag og mag-ilhanay isip managsoon sa usa'g-usa diha sa diwa sa ospiritu.

La lingua caroliniana è una lingua micronesiana parlata nelle Isole Marianne Settentrionali.

Distribuzione geografica[modifica | modifica sorgente]

Secondo l'edizione 2009 di Ethnologue, nel censimento del 1990 risultavano circa 3.000 locutori stanziati sulle isole di Agrihan, Anathan e Saipan. La lingua è attestata anche negli Stati Uniti d'America.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Il carolinano è una lingua del sottogruppo delle lingue micronesiane, appartenenti alla grande famiglia delle lingue austronesiane.

Talvolta denominata sud-caroliniano per distinguerla dal nord-caroliniano o lingua tanapag, condivide il 95% del suo lessico con la lingua satawalese e l'88 % con la lingua woleaiana ed la lingua puluwat.

Sistema di scrittura[modifica | modifica sorgente]

Per la scrittura si utilizza l'alfabeto latino.



Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Linguistica