Lepilemur grewcockorum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lepilemure di Grewcock
Immagine di Lepilemur grewcockorum mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Strepsirrhini
Infraordine Lemuriformes
Superfamiglia Lemuroidea
Famiglia Lepilemuridae
Genere Lepilemur
Specie L. grewcocki
Nomenclatura binomiale
Lepilemur grewcockorum
Louis, 2006
Sinonimi

Lepilemur grewcocki
Lepilemur manasamody

Il lepilemure di Grewcock (Lepilemur grewcockorum) è una specie di lemure recentemente scoperta endemica del Madagascar.

Deve il nome della specie ai coniugi Bill e Berniece Grewcock, finanziatori della missione di ricerca durante la quale questo animale fu scoperto.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Misura 55–63 cm di lunghezza, dei quali, circa metà spettano alla coda.

Il pelo è grigio scuro nella zona dorsale, mentre la zona ventrale è biancastra, così come l'area fra gli occhi, i piedi ed il muso: il quarto anteriore è più scuro rispetto a quello posteriore e sugli avambracci possono essere presenti sfumature ramate. Dalla nuca parte una striscia scura che raggiunge il posteriore, ma non prosegue sulla coda, che è grigio-bruna o bruna, a volte con la punta bianca. La testa è arrotondata, le orecchie rotonde ed attaccate lateralmente rispetto al cranio e gli occhi sono piccoli e marroni.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

L'areale di questa specie è ristretto a un'area di foresta decidua secca del Madagascar nord-occidentale (Provincia di Mahajanga), tra Ambongabe e Anjiamangirana I (15°09′24.6″S 47°44′06.2″E / 15.156833°S 47.735056°E-15.156833; 47.735056), area delimitata a nord dal fiume Maevarano e a sud dal fiume Sofia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Hoffmann M. 2008, Lepilemur grewcockorum in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]