Lapponia svedese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lapponia svedese
provincia storica
Lappland
Lapponia svedese – Stemma
Localizzazione
Stato Svezia Svezia
Regione Norrland
Contea Norrbotten län vapen.svg Norrbotten
Västerbotten län vapen.svg Västerbotten
Territorio
Coordinate 65°55′44.4″N 16°44′34.8″E / 65.929°N 16.743°E65.929; 16.743 (Lapponia svedese)Coordinate: 65°55′44.4″N 16°44′34.8″E / 65.929°N 16.743°E65.929; 16.743 (Lapponia svedese)
Superficie 109 702 km²
Abitanti 94 350 (2009)
Densità 0,86 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC+1
Cartografia

Lapponia svedese – Localizzazione

Simboli della Lapponia svedese
Animale Volpe artica
Fiore Camedrio alpino

La Lapponia svedese (Lappland in svedese) è la provincia più settentrionale della Svezia, nella regione di Norrland, e fa parte, a livello amministrativo, delle contee di Norrbotten e Västerbotten di cui costituisce la parte occidentale.

La Lapponia svedese è anche la provincia più estesa della Svezia con circa un quarto della superficie totale. Confina con le province di Jämtland, Ångermanland, Norrbotten e Västerbotten, con la Norvegia a nord-ovest e con la Finlandia a nord-est.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lapponia (provincia storica).

La sua storia è strettamente connessa con le contee d'appartenenza e per tutto il medioevo è stata una regione sostanzialmente al di fuori del controllo della corona svedese e abitata prevalentemente da popoli nomadi di etnia Sami. Dal punto di vista storico e culturale, la provincia svedese fa parte della più vasta regione etnografica omonima abitata dai Sami e oggi suddivisa tra Norvegia, Svezia, Finlandia e Russia.

Al suo interno si trovano l'area lappone, definita nel 1996 Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO, e alcuni parchi nazionali della Svezia: il parco nazionale Sarek, il parco nazionale Muddus, il parco nazionale Padjelanta e il parco nazionale Stora Sjöfallet.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ The natural and cultural values of the Laponian Area, su whc.unesco.org.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]