Lago Ascianghi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lago Ascianghi
Stato Etiopia Etiopia
Coordinate 12°34′12″N 39°24′00″E / 12.57°N 39.4°E12.57; 39.4Coordinate: 12°34′12″N 39°24′00″E / 12.57°N 39.4°E12.57; 39.4
Altitudine 2.409 m s.l.m.
Dimensioni
Superficie variabile dai 15 ai 20 km²
Lunghezza 5 km
Larghezza 4 km
Profondità massima circa 25 m
Idrografia
Immissari principali nessuno
Emissari principali nessuno
Mappa di localizzazione: Etiopia
Lago Ascianghi

Il lago Ascianghi (o Ascianghè) è un bacino situato a 2.409 metri di altitudine sull'Acrocoro Etiopico tra le città di Mai Ceu e Quoram.

Di forma ovale con sponde piatte (tranne nel lato di SE) ha una profondità massima di circa 25 m e acqua leggermente salmastra, il lago doveva avere in passato estensione molto maggiore, forse unico lago con conca di Quoram e con quella del Gual Ascianghi.

Senza emissario, soggetto a variazioni di livello dovute alle variabile a seconda delle piogge e alla evaporazione, probabilmente si scaricava nel Sauanagò, affluente dello Tsellari.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il 29 agosto 1542, l'imam Ahmed ibn Ibraihim al-Ghazi detto dagli Abissini «Gragn» (talvolta citato anche meno correttamente come «Gran» o «Gragne» propriamente Mancino, altro nome con cui è noto[1]), avanzò sui portoghesi sul lato meridionale dell'Ascianghi, vicino Uoflà, dove diede battaglia vincendo, catturando e in seguito uccidendo il condottiero Cristoforo da Gama, quartogenito del grande navigatore.

Un'altra importante battaglia che ebbe luogo sulle sponde di questo lago fu quella del 9 ottobre 1909, quando il deggiasmac Abatè Bwalu (Uagsciùm - governatore dello Uàg) sconfisse le forze ribelli del deggiasmac Abrahà Araià[2], infine l'omonima battaglia del 1936.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cfr. il lemma "Gragn" sull'enciclopedia Treccani.
  2. ^ L'episodio è ricordato anche come "battaglia della piana di Quoram" in Arnaldo Cipolla, nell'impero di Menelik.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • AA. VV. Guida dell'Africa Orientale Italiana. TCI, Milano, 1938.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]