La porta di Mandelbaum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La porta di Mandelbaum
Titolo originale The Mandelbaum Gate
Autore Muriel Spark
1ª ed. originale 1965
1ª ed. italiana 1966[1]
Genere romanzo
Lingua originale inglese

La porta di Mandelbaum (The Mandelbaum Gate) è un romanzo della scrittrice scozzese Muriel Spark pubblicato nel 1965. Il romanzo è stato premiato con il James Tait Black Memorial Prize per la narrativa.

Il titolo fa riferimento al checkpoint di Gerusalemme attorno al quale è ambientato il romanzo.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Le vicende del romanzo hanno luogo nella Gerusalemme del 1961 (con il processo a Adolf Eichmann sullo sfondo). Mentre è in pellegrinaggio nella Terra santa, l'ebrea-cattolica Barbara Vaughn programma di incontrarsi col fidanzato, un archeologo che lavora a Qumran (dove vennero rinvenuti i Manoscritti del Mar Morto). Per far ciò deve attraversare la porta di Mandelbaum per entrare nell'area sotto il controllo giordano: a causa delle sue origini ebree, questa è un'operazione pericolosa e perciò si avvale dell'aiuto di Freddy Hamilton, un diplomatico britannico, e vari contatti arabi che potrebbero aiutarla o meno.

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Catalogo SBN. URL consultato il 2012-0-06.
letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura