La dottrina del fascismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La dottrina del fascismo
Autore Benito Mussolini
1ª ed. originale 1935
Genere saggio
Sottogenere politica
Lingua originale italiano
Ambientazione XX secolo

La dottrina del fascismo è un saggio del 1935 pubblicato con la sola firma di Benito Mussolini come autore, sebbene la prima parte intitolata Idee Fondamentali sia da attribuire al filosofo Giovanni Gentile, mentre solo la seconda parte Dottrina politica e sociale è da attribuire a Mussolini stesso.[1]

Il filosofo Giovanni Gentile, che lavorò alla stesura della prima parte della Dottrina

Storia editoriale[modifica | modifica sorgente]

« Il fascismo non si intenderebbe in molti dei suoi atteggiamenti pratici, come organizzazione di partito, come sistema di educazione, come disciplina, se non si guardasse alla luce del suo modo generale di concepire la vita. Modo spiritualistico. Il mondo per il fascismo non è questo mondo materiale che appare alla superficie, in cui l'uomo è un individuo separato da tutti gli altri e per sé stante, ed è governato da una legge naturale, che istintivamente lo trae a vivere una vita di piacere egoistico e momentaneo...(I, 2) »

La sua prima pubblicazione avvenne nell'Enciclopedia Italiana di Scienze, Lettere e Arti del 1932, come prima sezione di una lunga voce sul fascismo. L'intera voce ricopre le pagine da 847 a 884 dell'Enciclopedia Italiana (volume XIV), cui collaborò Gioacchino Volpe per la parte storica, e Arturo Marpicati per quella relativa alle opere realizzate dal fascismo;[2] include anche numerose fotografie ed immagini.
Fu poi pubblicato da Vallecchi, come saggio, nel 1935, e dalle edizioni Ardita ed Hoepli.

In seguito ci sono state altre ristampe e riedizioni della Dottrina del Fascismo datate 1941 e 1942. Nel 1997 è stata ripubblicata la voce, con gli aggiornamenti nelle Appendici del 1938, 1948 e 1961, con prefazione di Giorgio Galli.

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

  • Benito Mussolini, voce "Fascismo" in "Enciclopedia Italiana", 1932
  • Benito Mussolini, La dottrina del fascismo, Firenze, Vallecchi Editore, 1935
  • Benito Mussolini, Fascismo: dottrina e istituzioni, Roma, 'Ardita' edizioni, 1935
  • Benito Mussolini, La dottrina del fascismo. Storia, opere ed istituti, a cura di Luigi Contu, Marcello Gallian, Arturo Marpicati, Milano, Hoepli, 1935
  • Benito Mussolini, La dottrina del Fascismo. Con una storia del movimento fascista di Gioacchino Volpe, Istituto dell'Enciclopedia Treccani, 1941
  • Benito Mussolini, La Dottrina del Fascismo, Milano, Enrico Hoepli, 1942
  • Gentile, Mussolini, Volpe, Salvatorelli, Il fascismo nella Treccani, Milano, Terziaria, 1997

Struttura voce "Fascismo"[modifica | modifica sorgente]

Di seguito la struttura della voce "Fascismo" [2] apparsa sull'"Enciclopedia Italiana" del 1932 (tra parentesi il nome dell'autore):

  • Fascismo
    • Dottrina
      • I sezione: Idee fondamentali (Gentile)
      • II sezione: Dottrina politica e sociale (Mussolini)
    • Storia (Volpe)
      • Il "movimento" fascista
      • Da "movimento" a partito
      • Il partito fascista
      • Il fascismo al governo
    • Realizzazioni del fascismo (Marpicati)
    • Bibliografia (Volpe)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Mussolini. Gli anni del consenso, 1929-1936, Renzo De Felice, Einaudi, 2006, pp. 35-36.
  2. ^ a b Enciclopedia Italiana (1932) alla voce "Fascismo".

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]