La cieca di Sorrento (film 1934)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La cieca di Sorrento
Titolo originale La cieca di Sorrento
Paese di produzione Italia
Anno 1934
Durata 68 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Nunzio Malasomma
Soggetto Francesco Mastriani
Sceneggiatura Tomaso Smith
Produttore Giulio Manenti per Manenti Film
Fotografia Arturo Gallea
Montaggio Giacomo Gentilomo
Musiche Umberto Mancini
Scenografia Alberto De Poletti
Interpreti e personaggi

La cieca di Sorrento è un film del 1934 diretto da Nunzio Malasomma.

Note[modifica | modifica sorgente]

Debutto cinematografico per la piccola Miranda Bonansea doppiatrice abituale di Shirley Temple, negli anni 30 e 40.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Soggetto tratto direttamente dal romanzo omonimo di Francesco Mastriani, è la drammatica storia di Beatrice, divenuta cieca in una spaventosa notte durante la quale assiste all'uccisione della madre da parte di un ladro, Ernesto Basileo, scrivano del notaio.

Durante il successivo processo, basandosi su falsi indizi il Tribunale riconosce colpevole Ferdinando Baldieri, del tutto estraneo al delitto, condannandolo alla pena capitale. Il figlio di Baldieri, Carlo, dopo essere fuggito e divenuto medico di fama, torna in città, dove incontra Beatrice, che nel frattempo è diventata una bella ragazza: la cura, la guarisce dalla cecità, e i due giovani si sposano.

Successivamente la condanna di Ferdinando Baldieri viene riesaminata dal Tribunale e finalmente si scopre la verità sulla drammatica notte.

La critica[modifica | modifica sorgente]

Dino Falconi su Il Popolo d'Italia del 20 settembre 1934: "Spettacolo decoroso e interessante. Il suo principale difetto è quello di ricordare assai da vicino i film d'una quindicina d'anni fa, nessuna trovata tecnica, nessuna audacia dell'obiettivo, nessuno scorcio della sceneggiatura".

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema