Kings of Metal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kings of Metal
Artista Manowar
Tipo album Studio
Pubblicazione 1988
Durata 47 min : 51 s
Dischi 1
Tracce 9
Genere Epic metal
Heavy metal
Etichetta Atlantic Records
Produttore Manowar e Jason Flom
Registrazione /
Note esiste una edizione con il pezzo Pleasure Slave come bonus track
Certificazioni
Dischi di platino 2
Manowar - cronologia
Album precedente
(1988)
Album successivo
(1992)

Kings of Metal è il sesto album della band statunitense Manowar. Considerato l'album più significativo dei Manowar, è un resoconto dell'epic duro proposto fino a Sign of the Hammer e l'approccio più power e moderno di Fighting the World. La copertina rappresenta un guerriero che, vittorioso in cima ad una collina, ha sotto i suoi piedi delle bandiere (sulle quali svetta quella americana), nella mano destra uno spadone insanguinato e nella sinistra un chakram attirante dei fulmini, secondo la tipica simbologia che i Manowar adotteranno per la maggioranza delle loro copertine.

È l'ultimo album con il chitarrista Ross the Boss (uno dei fondatori dei Manowar) prima del suo abbandono per tornare alla band punk The Dictators.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Wheels of Fire - 4:11
  2. Kings of Metal - 3:43
  3. Heart of Steel - 5:10
  4. Sting of the Bumblebee - 2:45
  5. The Crown and the Ring (Lament of the Kings) - 4:46
  6. Kingdom Come - 3:55
  7. Pleasure Slave - 5:37 *
  8. Hail and Kill - 5:54
  9. The Warriors Prayer - 4:20
  10. Blood of the Kings - 7:30

* Bonus Track

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal