Kapurthala (stato)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Stato di Kapurthala
Stato di Kapurthala – Bandiera
Dati amministrativi
Nome ufficiale ਕਪੂਰਥਲਾ; کپورتھلہ; कपूरथला; State of Kapurthala
Lingue parlate punjabi (gurmukhi, shahmukhi, devanagari), indiano, inglese
Capitale Kapurthala
Dipendente da Regno Unito dal 1853 al 1947
Politica
Forma di governo regno
Nascita 1772 con Jassa Singh
Fine 1947 con Jagatjit Singh
Territorio e popolazione
Massima estensione 352 km² nel 1901
Popolazione 314.341 nel 1901
Economia
Valuta rupia di Kapurthala
Commerci con India britannica
Religione e società
Religioni preminenti induismo
Religione di Stato induismo
Religioni minoritarie protestantesimo, cattolicesimo, islamismo
Classi sociali patrizi, clero, popolo
Stato di Kapurthala - Mappa
Evoluzione storica
Preceduto da Impero Moghul
Succeduto da India

Lo Stato di Kapurthala (in punjabi: ਕਪੂਰਥਲਾ , in gurmukhi: کپورتھلہ , in shahmukhi: कपूरथला) fu uno stato principesco del subcontinente indiano (attualmente corrispondente alla regione del Punjab), avente per capitale Kapurthala.

Lo stato, governato dalla dinastia Ahluwalia, venne fondato nel 1772 da Nawab Jassa Singh Ahluwalia (1718-1783), un capo Sikh dei più prominenti durante il periodo della Confederazione Sikh, e anche Misldar di Ahluwalia (capo militare). Egli era nato nel villaggio di Ahlu o Ahluwal presso Lahore, che ha dato il nome alla famiglia, Ahluwalia[1][2][3]

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il censimento di stato del 1901 la popolazione era di 314.341 abitanti, posti in 2 città e 167 villaggi.[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Ahlu è il nome del villaggio presso Lahore (oggi in Pakistan), che venne fondato da Sadda Singh Kalal, appartenente alla comunità Kalal, mercanti di vini.

Le due successive generazioni della famiglia decisero di abbandonare la loro originaria professione e si dedicarono ad una vita politica raggiungendo le alte sfere. Badar Singh, antenato di Sada Singh, sposò la figlia del governatore del distretto (all'epoca sottoposto all'Impero Moghul) ed il loro figlio Jassa Singh Ahluwalia nacque nel 1718. Jassa Singh aveva appena 5 anni quando suo padre morì nel 1723 e sua madre ottenne da Mata Sundri, vedova del guru sikh Guru Gobind Singh di prendersi cura del giovane Jassa.[4]

Crescendo ella lo pose sotto la cura del capo dei sikh Nawab Kapur Singh e Jassa Singh aumentò vertiginosamente il proprio rango successore quando, alla morte di questi, Kapur Singh lo nominò suo successore nel 1753. Dopo la presa di Lahore nel 1761, Khalsa lo onorò con il titolo di Sultan-ul-Qaum (re dell'intero popolo) e con questo titolo fondò poi un proprio stato personale costituito attorno alla città di Kapurthala nel 1772 ed i suoi discendenti rimasero sempre i capi più importanti dell'area del Punjab sino all'epoca di Ranjit Singh (1780-1839).

Jassa Singh non ebbe eredi maschi (solo due figlie) ed alla sua morte nel 1783, egli venne cremato secondo l'usanza a Burj Baba Atal Sahib e succeduto da suo cugino, Bhag Singh[5]

Nel 1930 divenne parte della Punjab States Agency ed entrò a far parte dell'India ufficialmente dal 1947, abolendo così la monarchia.

Reggenti di Kapurthala[modifica | modifica wikitesto]

Jagatjit Singh Bahadur, Maharaja di Kapurthala.

Sardar di Kapurthala[modifica | modifica wikitesto]

  • Jassa Singh (1772 - 1783)
  • Bagh Singh (1783 - 1801)
  • Fateh Singh (1801 - 1837)
  • Nihal Singh (1837 - 1849)

Raja di Kapurthala[modifica | modifica wikitesto]

  • Nihal Singh (1849 - 1852)
  • Randhir Singh (1852 - 1862)

Raja-i Rajgan di Kapurthala[modifica | modifica wikitesto]

  • Randhir Singh (1862 - 1870)
  • Kharrak Singh (1870 - 1877)
  • Jagatjit Singh (1877 - 1911)

Maharaja di Kapurthala[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Kapurthala state The Imperial Gazetteer of India, 1909, v. 14, p. 408.
  2. ^ Kapurthala Hugh Chisholm (a cura di), Encyclopædia Britannica, XI edizione, Cambridge University Press, 1911..
  3. ^ Ahluwalia Name Meaning and History
  4. ^ Jassa Singh Ahluwalia sikh-history.com.
  5. ^ Genealogy and History of Kapurthala (princely state) Queensland University.

Collegamenti esterni (in inglese)[modifica | modifica wikitesto]

India Portale India: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di India