Kano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati di Kano, vedi Kano (disambigua).
Kano
città
Kano – Bandiera
Kano – Veduta
Localizzazione
Stato Nigeria Nigeria
Stato federato Kano
Concilio Divisione amm grado 2 mancante (man)
Territorio
Coordinate 12°00′N 8°31′E / 12°N 8.516667°E12; 8.516667 (Kano)Coordinate: 12°00′N 8°31′E / 12°N 8.516667°E12; 8.516667 (Kano)
Altitudine 488 m s.l.m.
Abitanti 3 848 885 (2007)
Altre informazioni
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Nigeria
Kano

Kano è una città della Nigeria, capitale amministrativa dell'omonimo stato e maggiore città della Nigeria settentrionale, con una popolazione di 3.848.885 abitanti (2007).

La città è composta da diversi quartieri fra i quali il quartiere industriale di (Bompai) e la città vecchia completamente cintata con edifici in creta.

L'economia è basta sulla produzione di arachidi, pellame e cotone. Nella città si trova anche un florido mercato agricolo e del bestiame.

Vi si trova inoltre il Kano State Institute for Higher Education.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Prima della creazione della nazione nigeriana, Kano era uno dei sette regni Hausa fondato approssimativamente nell'anno 900. Tra i sette regni, vi era una stretta connessione di attività economiche particolarmente fiorenti a Rano e Kano, quest'ultimo era inoltre un importante mercato transahariano e soprannominata "Capo dell'Indaco", nelle pianure circostanti vi si coltivava il cotone che veniva tinto, tessuto e spedito negli altri regni.


Secondo gli archivi di Kano, il trentasettesimo Sarkin Kano (Re di Kano) fu Mohammed Sharef (1703-1731). Il suo successore Kumbari dan Sharefa (1731-1743) si impegnò in una serie di duri scontri con la popolazione nomade e islamica dei fulani. Nel 1903 il territorio venne conquistato dagli inglesi.

Il contenzioso di Kano[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Contenzioso di Kano.

Nella città nel 1996 fu condotta una sperimentazione umana su bambini durante una epidemia di meningite meningococcica, a seguito di ciò si è determinato uno scandalo giudiziario che ha visto coinvolta la multinazionale farmaceutica Pfizer responsabile della sperimentazione condotta.

Attentato all'Università Bayero[modifica | modifica sorgente]

Il 29 aprile 2012 un commando armato ha aperto il fuoco sui giovani che assistevano a una messa in un auditorium all'interno dell'Università Bayero, causando venti morti e decine di feriti gravi[1]. Dell'attacco è fortemente indiziato il gruppo islamico Boko Haram, già responsabile di numerose violenze nel paese[2].

Personalità[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La Stampa, Attacco ai cristiani in Kenya e Nigeria, 29 aprile 2012.
  2. ^ Corriere della Sera, Domenica di sangue in Africa: almeno 21 morti. Colpiti un campus cristiano e una Chiesa, 29 aprile 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]