John Maeda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
John Maeda

John Maeda (Seattle, 1966) è un designer, insegnante e batterista statunitense.

Attualmente ricopre il ruolo di Preside presso la Rhode Island School of Design. Il suo lavoro nel campo del design e della tecnologia è incentrato sull'area in cui questi due ambiti si intersecano.

Maeda era originariamente uno studente di ingegneria informatica presso il Massachusetts Institute of Technology (MIT) quando fu affascinato dal lavoro di Paul Rand e Muriel Cooper. Cooper era il direttore di un workshop sul linguaggio visuale presso il MIT. Dopo aver conseguito una laurea e un master presso il MIT, Maeda ha studiato in Giappone alla Tsukuba University's Institute of Art and Design per completare il suo dottorato in design.

Nel 1999 è stato nominato come una delle 21 persone più importanti nel XXI secolo da Esquire[1]. Nel 2001 ha ricevuto il National Design Award for Communication Design negli Stati Uniti e il Mainichi Design Prize in Giappone.

Attualmente Maeda sta lavorando a SIMPLICITY, un progetto di ricerca destinato a trovare vie per semplificare la vita delle persone rispetto alla crescente complessità. La sua ricerca lo ha condotto a pubblicare il best-seller "Le leggi della semplicità".

Vive a Lexington, Massachusetts, con sua moglie Kris e le sue cinque figlie.


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • I segreti del leader. La semplicità come risorsa, Bruno Mondadori, 2011, ISBN 9788861596177
  • Le Leggi della Semplicità, Bruno Mondadori, 2006, ISBN 9788842420057
  • Creative Code, Thames and Hudson, 2004.
  • maeda@media, Thames and Hudson / Rizzoli / Bangert Verlag, 2000.
  • Design By Numbers, MIT Press, 1999.
  • Tap, Type, Write, Digitalogue Co., 1998.
  • 12 o’clocks, Digitalogue Co., 1997.
  • Flying Letters, Digitalogue Co., 1996.
  • Reactive Square, Digitalogue Co., 1995.

Prefazioni e presentazioni a cura di John Maeda[modifica | modifica wikitesto]

  • "Le leggi della Pienezza" di Rich Gold, presentazione di John Maeda, traduzione dall'inglese di Ester Borgese, 2008 Pearson Paravia Bruno Mondadori S.p.A.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "More of The Esquire 21" Esquire Magazine; Hearst Communications, Inc.. Novembre 1999.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 42018973 LCCN: n98080880