John Gay

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
John Gay

John Gay (Barnstaple, 30 giugno 1685Londra, 4 dicembre 1732) è stato un poeta e drammaturgo britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

John Gay nasce a Barnstaple nel 1685 da una famiglia di nobili borghesi. Rimasto orfano all'età di dieci anni, è allevato ed avviato agli studi da uno zio ecclesiastico. Una volta terminati gli studi, Gay viene mandato a Londra a lavorare presso un mercante di seta, ma fa presto ritorno dallo zio in quanto insofferente di tale attività. Al 1708 risale la sua prima composizione, il poemetto parodistico Il vino, ed i primi incontri con i circoli letterari inglesi; tenta inoltre di sistemarsi presso qualche famiglia nobiliare, ma senza successo.

Nel 1712 diventa segretario della duchessa di Monmouth, ma l'amicizia con Jonathan Swift lo aiuterà a trovare un impiego presso Lord Clarendon, ambasciatore di Giorgio I. Allo stesso periodo risale la fondazione dello Scriblerus Club con Pope, Swift e John Arbuthnot. Tuttavia la morte improvvisa della regina Anna d'Inghilterra costringe il Club a sciogliersi e fa perdere a Gay il lavoro dopo appena tre mesi di attività. Tra le molte composizioni del periodo spiccano Rural Sports, che gli valse l'amicizia con Pope, e La settimana del pastore (The Shepherd's Week), sei poesie pastorali che parodizzano la poesia arcadica dell'epoca.

Gli anni seguenti sono costellati di viaggi e pubblicazioni. Nel 1720 passa un grave periodo di crisi finanziaria a causa del crollo della South Sea Company, su cui aveva investito i soldi ricavati dalle sue opere letterarie. Nel 1722, grazie all'appoggio di ricchi aristocratici, si riprende dalla crisi ed ottiene un lavoro fisso come Commissario delle lotterie. Due anni dopo tenta di farsi nominare funzionario di corte dedicando una raccolta di favole (Cinquantuno favole in versi) al principe William, il futuro duca del Cumberland, ma senza successo.

Nel 1728 termina la sua opera più celebre, il melodramma satirico L'opera del mendicante (The Beggar’s Opera), che debutta a Londra il 29 gennaio nel Lincoln's Inn Fields Theatre. La ballad opera registrò circa sessantadue repliche e fece guadagnare a Gay una cifra di circa settecento sterline. Da questa commedia, Bertold Brecht trarrà ispirazione per la sua Opera da tre soldi.

Il successo del melodramma spinge Gay a comporre un seguito, Polly, ma le ostilità di Robert Walpole, preso di mira nella Beggar's Opera, ne precludono la messa in scena. Il dramma è comunque pubblicato ed ottiene un grande successo, circa diecimila copie di vendita. Nel 1732, ispirandosi alle Metamorfosi di Ovidio, scrive la sua ultima opera, il masque Aci e Galatea, per le musiche di Händel. Muore il 4 dicembre 1732 e viene sepolto a Westminster Abbey, accanto al sepolcro di Chaucer. Sul suo monumento è scritto un epitaffio, composto da Gay stesso sul letto di morte:

Life is a jest, and all things show it,
I thought so once, and now I know it.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Opere minori[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 2480890 LCCN: n80045862