Irakli Bagration-Mukhrani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Principe Irakli Bagration
ირაკლი ბაგრატიონ მუხრანელი
Principe Irakli Bagrationირაკლი ბაგრატიონ მუხრანელი
Nascita Tbilisi, Impero russo (attuale Georgia), 21 marzo 1909
Morte Madrid, Spagna, 30 ottobre 1977
Sepoltura 2 giugno 2010
Luogo di sepoltura Cattedrale di Svetitskhoveli
Casa reale Casato di Bagration-Mukhrani
Dinastia Helena Złotnicka h. Nowina
Padre Principe Georgi Bagration di Mukhrani
Coniugi Maria Belaiev
Maria Antonietta Pasquini dei Conti di Costafiorita
Infanta Doña Maria de las Mercedes di Baviera
Doña María del Pilar Pascual y Roig, Marquesa de Carsani
Figli Principe Giorgi Bagration
Principessa Mariam Bagration
Principe Bagrat Bagration

Irakli Bagration-Mukhraneli (georgiano: ირაკლი ბაგრატიონ-მუხრანელი; Tiblisi, 21 marzo 1909Madrid, 30 ottobre 1977) era un principe georgiano del ramo Mukhrani dell'ex dinastia reale dei Bagrationi.

Nacque a Tbilisi in Georgia (allora parte dell'impero russo), dal Principe Georgi Bagration di Mukhrani (1884–1957) e da sua moglie Helena Sigismundovna, nata Nowina Złotnicka. Nel 1921 l'invasione dell'Armata Rossa della Georgia obbligò la famiglia a lasciare la Georgia. Educato in Germania, il Principe Irakli si trasferì poi in Italia negli anni 30. Sposò (per prima) e divorziò da Maria Belaiev. Sposò (second) Maria Antonietta Pasquini dei Conti di Costafiorita (1911-1944) nel 1940. In seguito alla sua morte nel 1944, Irakli con il figlio piccolo Giorgi andò in Spagna, divenendone un cittadino e sposando nel 1946 l'Infanta Doña Maria de las Mercedes di Baviera (1911–1953), la cui madre era sorella di Alfonso XIII, nel 1946 nel Castello di San Sebastian. Morì nel 1953, dopo aver dato al principe due figli: Mariam (nata nel 1947) e Bagrat (nato nel 1949) quindi, il Principe Irakli si sposò per la quarta volta con (Doña María del Pilar Pascual y Roig (m. 1994), Marquesa de Carsani, nel 1961.

Il Principe Irakli svolse un importante ruolo tra gli emigrati georgiani all'estero e, da attivo monarchico, condusse una ferma opposizione al governo sovietico in Georgia. Nel 1939 ripristinò l'Ordine dell'Aquila di Georgia e della Tunica di Nostro Signore Gesù Cristo[1] e sostenne la nascita della Unione dei Tradizionalisti Georgiani, movimento teso a lottare per restaurare la sovranità piena del paese e a ristabilire una monarchia costituzionale per la futura ed indipendente Georgia. In seguito alla morte del padre nel 1957, il Principe Irakli gli succeeded come Capo del Casato Principesco di Mukhrani e si diachiarò Capo della Casata Reale di Georgia, assumendo il trattamento di Altezza Reale. Morì a Madrid nel 1977. I suoi resti nel 1994 vennero traslati per essere sepolti con tutti gli onori nella Cattedrale di Svetitskhoveli presso Mtskheta, il più importante luogo di culto della Georgia[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (ES) History of the Order of the Eagle of Georgia and of the Tunic of Our Lord Jesus Christ (PDF). The official website of the Royal House of Georgia.
  2. ^ Royal Ark: Georgia. The Bagration Dynasty – Mukhrani. Accessed on April 3, 2007.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Capo del Casato Principesco di Mukhrani Successore
Georgi Bagration di Mukhrani 1957-1977 Giorgi Bagration-Mukhraneli
Predecessore Capo della Casata Reale di Georgia Successore
- 1957-1977 Giorgi Bagration-Mukhraneli
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie