Ipersplenismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Per ipersplenismo in campo medico, si intende un anomalo funzionamento della milza, dove la sua regolazione diventa iperproduttiva nuocendo all'organismo. Da non confondersi con la splenomegalia di cui è una condizione associata.[1]

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

Le cause sono molteplici, alcune correlate ad anomalie ematiche come anemia e leucemia mieloide cronica, altre invece sono correlate a malattie infettive come malaria e tubercolosi.

Sintomatologia[modifica | modifica wikitesto]

Spesso risulta asintomatico, oppure si mostrano emorragia, febbre, dolore addominale, pancitopenia, porpora.

Esami[modifica | modifica wikitesto]

Il medico grazie all'esame obiettivo, può diagnosticare facilmente la malattia sia con la palpazione della milza ma anche con l'uso dello stetoscopio.

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

In determinati casi viene utilizzata la splenectomia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione pag 805, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Gianluigi Castoldi, Liso Vincenzo, Malattie del sangue e degli organi ematopoietici quinta edizione, Milano, McGraw-Hill, 2007, ISBN 978-88-386-2394-3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina