Il Verbo degli uccelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Verbo degli uccelli
Titolo originale منطق الطیر
Autore Farid al-Din 'Attar
1ª ed. originale 1177
Genere poema
Lingua originale persiano
"L'Assemblea degli uccelli", dipinto di Habib Allah. L'upupa, a destra al centro, istruisce gli altri uccelli sulla dottrina Sufi.

Il Verbo degli uccelli (in persiano: منطق الطیر, Mantiqu 't-Tayr, 1177) è un poema di circa 4500 versi in persiano di Farid al-Din 'Attar.

La trama è la seguente. Tutti gli uccelli del mondo si radunano per decidere chi sarà il loro re. L'upupa, che è il più saggio fra loro, li convince ad intraprendere la ricerca del leggendario Simurgh, un uccello della mitologia persiana che corrisponde all'incirca alla Fenice della mitologia occidentale.

Si tratta di un'allegoria, nella quale la ricerca del Simurgh rappresenta la ricerca di Dio, l'upupa rappresenta un maestro Sufi, e ognuno degli altri uccelli rappresenta un vizio umano che ostacola il raggiungimento dell'illuminazione spirituale. All'interno di questa cornice narrativa, costituita dalla storia del viaggio degli uccelli, Attar inserisce numerosi brevi racconti, sorta di "parabole" con funzione didattica.

Gli uccelli devono attraversare sette valli prima di raggiungere il Simurgh: la valle della ricerca, la valle dell'amore, la valle della conoscenza, la valle del distacco, la valle dell'unificazione, la valle dello stupore, e infine la valle della privazione e dell'annientamento. Queste valli simboleggiano le tappe che un Sufi deve attraversare per attingere la vera natura di Dio.

Quando i soli trenta uccelli rimasti raggiungono finalmente il luogo dove vive il Simurgh, tutto ciò che essi vedono è uno specchio in cui scorgono la loro stessa immagine riflessa. (Questo finale cela un gioco di parole in lingua persiana fra "Simurgh", il nome dell'uccello mitico, e "si murgh", che in persiano significa appunto "trenta uccelli"). Ciò rappresenta la dottrina Sufi secondo cui Dio non è esterno o separato dall'universo, bensì costituisce la totalità di ciò che esiste; i trenta uccelli comprendono infine l'identità mistica fra "Simurgh" e la loro stessa essenza.

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

Farid ad-din 'Attar, Il verbo degli uccelli, traduzione e cura di Carlo Saccone, Mondadori, Milano 1999.