I vicini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I vicini
Buster in spalla agli acrobati rapisce la sua sposa
Buster in spalla agli acrobati rapisce la sua sposa
Titolo originale Neighbors
Paese di produzione USA
Anno 1920
Durata 18 min.
Colore B/N
Audio muto
Rapporto 1,33:1
Genere commedia
Regia Buster Keaton, Eddie Cline
Soggetto Buster Keaton
Sceneggiatura Buster Keaton, Eddie Cline
Produttore Joseph M. Schenck
Fotografia Elgin Lessley
Interpreti e personaggi

I vicini (Neighbors) è un cortometraggio del 1920 diretto da Buster Keaton e Eddie Cline.

Il film è conosciuto in inglese anche con il titolo di Backyard o Mailbox[1]. Gli acrobati The Flying Escalantes che appaiono nella scena finale lavoreranno in un altro film di Keaton, Allez Oop del 1934.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un ragazzo ama, corrisposto, la ragazza sua vicina di casa: le due famiglie sono divise da una staccionata e i rispettivi genitori si detestano. Inizia una serie di scontri e di equivoci tra le famiglie, quando i due iniziano a scambiarsi biglietti d'amore, fino all'intervento della polizia, che tenta di rinchiudere il ragazzo, invano, perché questi riesce sempre a fuggire.
Quando la storia finisce in tribunale, l'anziano giudice decreta che il matrimonio tra i due si deve fare. La cerimonia, con continue disavventure ed interruzioni, si compie, ma il padre della ragazza si riprende la figlia quando scopre che l'anello di matrimonio è una patacca senza valore. Il ragazzo si riprende la sposa, aiutato da un paio di amici.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

  • (...) La messa in scena keatoniana si affina, soffermandosi soprattutto sulla definizione dello spazio: una geometria chiusa, senza fuori campo, che definisce esclusivamente al proprio interno i percorsi, le traiettorie, i gesti dei personaggi stessi. Le cose che escono dallo schermo cessano di esistere" [2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Allmovie.com
  2. ^ Cremonini, p. 27.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jean-Pierre Coursodon, Buster Keaton, Parigi, Lherminier 1986
  • Giorgio Cremonini, Buster Keaton, Milano, Il Castoro cinema, 1996.ISBN
  • Buster Keaton, Memorie a rotta di collo, Milano, Feltrinelli, 1995, ISBN 88-07-81354-8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema