I vicini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I vicini
Neighbors.JPG
Buster in spalla agli acrobati rapisce la sua sposa
Titolo originale Neighbors
Paese di produzione USA
Anno 1920
Durata 18 min.
Colore B/N
Audio muto
Rapporto 1,33:1
Genere commedia
Regia Buster Keaton, Eddie Cline
Soggetto Buster Keaton
Sceneggiatura Buster Keaton, Eddie Cline
Produttore Joseph M. Schenck
Fotografia Elgin Lessley
Interpreti e personaggi

I vicini (Neighbors) è un cortometraggio del 1920 diretto da Buster Keaton e Eddie Cline.

Il film è conosciuto in inglese anche con il titolo di Backyard o Mailbox[1]. Gli acrobati The Flying Escalantes che appaiono nella scena finale lavoreranno in un altro film di Keaton, Allez Oop del 1934.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Un ragazzo ama, corrisposto, la ragazza sua vicina di casa: le due famiglie sono divise da una staccionata e i rispettivi genitori si detestano. Inizia una serie di scontri e di equivoci tra le famiglie, quando i due iniziano a scambiarsi biglietti d'amore, fino all'intervento della polizia, che tenta di rinchiudere il ragazzo, invano, perché questi riesce sempre a fuggire.
Quando la storia finisce in tribunale, l'anziano giudice decreta che il matrimonio tra i due si deve fare. La cerimonia, con continue disavventure ed interruzioni, si compie, ma il padre della ragazza si riprende la figlia quando scopre che l'anello di matrimonio è una patacca senza valore. Il ragazzo si riprende la sposa, aiutato da un paio di amici.

Critica[modifica | modifica sorgente]

  • (...) La messa in scena keatoniana si affina, soffermandosi soprattutto sulla definizione dello spazio: una geometria chiusa, senza fuori campo, che definisce esclusivamente al proprio interno i percorsi, le traiettorie, i gesti dei personaggi stessi. Le cose che escono dallo schermo cessano di esistere" [2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Allmovie.com
  2. ^ Cremonini, op. cit., p. 27.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Jean-Pierre Coursodon, Buster Keaton, Parigi, Lherminier 1986
  • Giorgio Cremonini, Buster Keaton, Milano, Il Castoro cinema, 1996.ISBN
  • Buster Keaton, Memorie a rotta di collo, Milano, Feltrinelli, 1995.ISBN 88-07-81354-8

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema