Joe Roberts (attore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Joseph "Joe" Henry Roberts (2 febbraio 187128 ottobre 1923) è stato un attore statunitense.

Attore di vaudeville dalla stazza imponente (era alto oltre il metro e novanta), soprannominato "Big Joe", deve la sua fama alla partecipazione a numerosi cortometraggi e film di Buster Keaton.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò facendo parte del gruppo Moreland, Thompson and Roberts, con Cherles Moreland e Minnie May Thompson, per poi girare gli Stati Uniti con un altro trio, il Roberts, Hayes and Roberts (The Big Three) di cui facevano parte Ed Hayes e la prima moglie di Roberts, Lilian. Una delle stagioni di maggior successo del trio fu a cavallo tra il 1901 e il 1902, in cui presentavano uno spettacolo chiamato The Infant, che ebbe critiche assai favorevoli nel mondo del vaudeville. Fecero un tour in Gran Bretagna, per poi tornare in USA nella stagione 1907-'08, dove presentarono lo schetch comico The Cowboy, the Swell and the Lady.

Negli anni dieci, Roberts conobbe i Keaton (padre e figlio) durante un soggiorno presso il lago Michigan: quando Buster Keaton ruppe il sodalizio con Roscoe Arbuckle e iniziò a dirigere film da solo, volle Roberts con sé.

Il contrasto fisico tra i due (Keaton era alto circa 1,65 m, trenta centimetri meno di Roberts) è stato un leitmotiv comico per 16 cortometraggi sui 19 girati dal celebre regista. Roberts ha sempre impersonato una figura autoritaria, manesca e dalla forza bruta, che faceva da contraltare all'agilità e scaltrezza tipiche dei personaggi di Keaton.

Quando Keaton passò ai medio-lungometraggi, Roberts lo seguì, interpretando la medesima figura in due pellicole, La legge dell'ospitalità e Senti, amore mio, prima di un fatale attacco di cuore nel 1923, all'età di 52 anni.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgio Cremonini, Buster Keaton, Milano, Il Castoro cinema, 1996.
  • Buster Keaton, Memorie a rotta di collo, Milano, Feltrinelli, 1995.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 44511273