I ragazzi della 56ª strada (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I ragazzi della 56ª strada
Titolo originale The Outsiders
Autore S. E. Hinton
1ª ed. originale 1967
Genere Romanzo
Sottogenere Drammatico
Lingua originale inglese

I ragazzi della 56ª strada è un romanzo drammatico sul passaggio all'età adulta scritto da S. E. Hinton e pubblicato la prima volta nel 1967 dalla Viking Press.

Hinton aveva 15 anni quando iniziò a scrivere il romanzo, ma la maggior parte dell'opera la scrisse all'età di 16 anni mentre frequentava il liceo.[1] Hinton aveva 18 anni[2] quando il libro venne pubblicato. Il romanzo racconta la storia di due bande rivali, i Greasers e i Socs, che sono divisi dal loro status socioeconomico.

La storia si svolge a Tulsa, Oklahoma, nel 1965,[2] ma questo fatto non è mai indicato nel libro.

Nel 1983 dal romanzo è stato tratto il film omonimo diretto da Francis Ford Coppola. Nel 1990 è stata realizzata anche una serie televisiva, Brillantina che funge da sequel al film.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ponyboy, un membro della gang dei Greasers, uscito da un cinema viene picchiato da un gruppo di Socs. Lo salvano i suoi fratelli maggiori Darrel e Sodapop, insieme a diversi membri della loro gang. La notte successiva, Ponyboy e i suoi amici Dallas e Johnny incontrano Cherry Valance e Marcia in un cinema drive-in. Ponyboy si rende conto che Cherry non è affatto come i Socs che ha incontrato prima. I Greasers accompagnano Cherry e Marcia a casa. I Socs Bob Sheldon e Randy Adderson li vedono e credono che i ragazzi stiano cercando di rimorchiare le loro fidanzate. Cherry e Marcia evitano che scoppi la rissa andandosene spontaneamente insieme Bob e Randy. Quando Ponyboy torna a casa molto tardi, Darry si arrabbia e lo colpisce. Ponyboy fugge e si incontra con Johnny. Mentre si aggirano intorno al quartiere, Bob, Randy, e altri tre Socs ubriachi li affrontano. Dopo che i Socs hanno quasi affogato Ponyboy in una fontana, Johnny, terrorizzato, pugnala Bob, accidentalmente uccidendo. Ponyboy e Johnny trovano Dallas, che dà loro soldi e una pistola carica e dice loro di nascondersi in una chiesa abbandonata. Rimangono lì per qualche giorno, durante i quali Ponyboy legge a Johnny Via col Vento e recita la poesia Nothing gold can stay ("niente che sia d'oro resta") di Robert Frost.

Quando Dallas si reca a trovarli, rivela loro che dopo la morte di Bob la guerra tra bande si è intensificata. Johnny decide di costituirsi, ma poi i ragazzi si accorgono che la chiesa ha preso fuoco e che un gruppo di bambini è intrappolato al suo interno. Johnny e Ponyboy corrono a salvarli, ma una trave infuocata cade sopra Johnny, spezzandogli la schiena. Dallas salva Johnny. Ponyboy ne è uscito relativamente indenne e trascorre solo un breve periodo in ospedale. Quando i suoi fratelli giungono a trovarlo, Darry scoppia a piangere. Ponyboy realizza che Darry ci tiene molto a lui e che è stato duro con lui solo perché vuole per il fratello un futuro migliore.

Un membro della banda, Two-Bit, informa Ponyboy che lui e Johnny sono stati dichiarati eroi per aver salvato i bambini, ma che Johnny sarà accusato di omicidio colposo per la morte di Bob. Egli dice anche che i Greasers e i Socs hanno deciso di risolvere la loro guerra con una grande rissa. I Greasers vincono la lotta. Dopo, Dally e Ponyboy fanno visita a Johnny, il quale muore davanti ai loro occhi. Dally corre fuori dall'ospedale e compie una rapina in un negozio. Quando egli punta una pistola scarica contro la polizia, essi gli sparano uccidendolo. Ponyboy sviene e rimane delirante per quasi una settimana. Durante la convalescenza, egli cerca di convincere se stesso che Johnny non è morto e di essere il responsabile della morte di Bob.

Quando Ponyboy torna a scuola, i suoi voti calano. Il suo insegnante gli comunica che riuscirà a passare alla classe successiva se scriverà almeno un tema decente. Nella copia di Via col vento che Johnny gli ha dato prima di morire, Ponyboy trova un biglietto di Johnny nel quale descrive come morirà orgoglioso sapendo di aver salvato dei bambini da un incendio. Johnny inoltre esorta Ponyboy a "restare d'oro". Ponyboy decide di scrivere circa gli eventi recenti che ha vissuto e comincia il suo tema con la frase d'inizio del romanzo: "Quando mi ritrovai nella luce accecante del sole uscendo dall'oscurità del cinema, avevo solo due cose in mente. Paul Newman e un passaggio per casa..."

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Greasers[modifica | modifica wikitesto]

  • Ponyboy Curtis: Il più giovane dei fratelli Curtis, ha 14 anni ed è molto bravo a scuola. È il narratore della storia.
  • Sodapop Curtis: Uno dei fratelli Curtis, ha 16 anni ed ha lasciato la scuola per lavorare in una stazione di servizio.
  • Darrel "Darry" Curtis: Il più anziano dei fratelli Curtis, ha 20 anni e si prende cura dei fratelli dalla morte dei genitori avvenuta in un incidente stradale.
  • Dallas "Dally" Winston: Il più duro dei Greasers, ha vissuto per tre anni nelle strade di New York City.
  • Keith "Two-Bit" Mathews: Un arguto cleptomane.
  • Steve Randle: Il miglior amico di Sodapop dai tempi della scuola.
  • Johnny Cade: Il miglior amico di Ponyboy, ha 16 anni e vive con la madre alcolizzata e abusata da bambina e il padre.

Socs[modifica | modifica wikitesto]

  • Sherri "Cherry" Valance: Fidanzata di Bob, frequenta lo stesso liceo di Ponyboy.
  • Marcia: Migliore amica di Cherry.
  • Robert "Bob" Sheldon: Fidanzato di Cherry, viene ucciso accidentalmente da Johnny.
  • Randy Adderson: Amico di Bob e del fidanzato di Marcia.
  • David: Membro della banda di Bob e Randy, ha tentato di annegare Ponyboy nella fontana.

Altri[modifica | modifica wikitesto]

  • Jerry Wood: La maestra responsabile per i bambini che si trovavano nella chiesa abbandonata.
  • Mr. Syme: Insegnante di Ponyboy che gli assegna un tema da scrivere.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

I ragazzi della 56ª strada è stato ritenuto un libro controverso fin dalla sua pubblicazione ed ancora oggi è spesso oggetto di contestazioni. Si trova al 38º posto della classifica dell'American Library Association dei 100 libri più contestati del 1990-1999.[3] Questo libro è stato vietato in alcune scuole e librerie a causa della rappresentazione della violenza tra bande, del linguaggio crudo e volgare e del fatto che rappresenta minori intenti a fumare e a bere.[4] Tuttavia, al mondo di oggi, in molte scuole, il libro è parte del programma di studi per la scuola media e/o superiore.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ S. E. Hinton, speaking with S. E. Hinton in The Outsiders, Speak/Penguin Putnam [1977], 2005, p. 162, ISBN 0-14-038572-X.
  2. ^ a b Frequently Asked Questions at sehinton.com
  3. ^ 100 most frequently challenged books: 1990–1999 | American Library Association, Ala.org. URL consultato il 24 luglio 2012.
  4. ^ Banned Books Awareness: The Outsiders | Banned Books Awareness, World.edu, 8 maggio 2011. URL consultato il 24 luglio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura