Hypsibarbus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Hypsibarbus
Hypsibarbus wetmorei
Diamantbarbe Hypsibarbus pierrei.jpg
Hypsibarbus wetmorei (sopra) e Hypsibarbus pierrei
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Superordine Ostariofisi
Ordine Cypriniformes
Famiglia Cyprinidae
Sottofamiglia Incertae sedis
Genere Hypsibarbus

Hypsibarbus, un tempo classificato come genere Barbus e poi Puntius, è un genere di pesci tropicali d'acqua dolce appartenenti alla famiglia Cyprinidae.

Distribuzione ed Habitat[modifica | modifica sorgente]

Queste specie sono diffue in Asia meridionale, prevalentemente nei laghi e nei fiumi della Thailandia.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il contorno del corpo di questa specie è asimmetrico, con la curva morbida della superficie dorsale che diviene più squadrata a partire dall'inizio della pinna. I colori mutano con l'età, dal verde-giallo al grigio-argento, con qualche sfumatura marrone. Il bordo scuro delle scaglie aumenta l'effetto reticolato. Le pinne pari (o ventrali) sono giallo brillante. Sono presenti quattro barbigli. Un muso irregolare è la caratteristica dei giovani esemplari. Copre tutti i livelli di nuoto. Vive in banchi composti da almeno 7 esemplari.
Lunghezza: solitamente 20 cm. In natura alcuni individui possono raggiungere i 50 cm.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Inizialmente le coppie si isolano dal branco ed iniziano i giochi amorosi, dove l'acqua è un po' più tenera e leggermente acida e sul cui fondo siano presenti dei ciottoli. I ciottoli fungeranno poi da coperture "salva avannotti". Una volta fecondate le uova vengono collocate tra le piante soprattutto a foglie fini come Vesicularia, Fontinalis e Myriophyllum. Le uova deposte variano, da 50 a 400 e si schiudono in 2-3 giorni. Gli avannotti, una volta assorbito il sacco vitellino (spesso anche prima) si nutrono volentieri di infusori. Dopo pochi giorni, cominciano a nuotare con disinvoltura.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutrono di artemie e naupli di artemia (i giovani), di dafnie, di chironomi. Arricchiscono la loro dieta anche con vegetali.

Specie[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci