Harold Budd

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Harold Budd
Fotografia di Harold Budd
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Ambient
Drone music
Musica sperimentale
Periodo di attività 1962 – in attività
Strumento pianoforte, chitarra

Harold Budd (Victorville, 24 maggio 1936[1]) è un compositore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Crebbe nel deserto del Mojave, a Victorville, dove i suoni del vento ispirarono la sua musica.[1]

Durante la propria carriera, Budd sviluppò uno stile personale di musica "ambient". Le sue collaborazioni con Brian Eno, The Plateaux of Mirror e The Pearl, confermarono lo stile pianistico d'atmosfera. Nell'86 pubblico The Moon and the Melodies, in collaborazione con i Cocteau Twins. In Lovely Thunder ha introdotto delicate tessiture elettroniche. Con The Room (2000) ritorna ad un approccio più minimalista.

Nel 2003 esce un doppio CD Translucence / Drift Music in collaborazione con il musicista inglese John Foxx. Il secondo disco Drift Music ricorda molto le atmosfere dell'album Cathedral Oceans di Foxx.

L'album Avalon Sutra del 2004 fu l'ultimo album di Budd pubblicato dall'etichetta Samadhi Sound di David Sylvian.

In seguito alla pubblicazione di Avalon Sutra, pubblicato nel 2004, uscì la colonna sonora del film Mysterious Skin, e Fragment from the Inside, un album collaborativo realizzato con Eraldo Bernocchi. Vennero entrambi pubblicati nel 2005.

Nel febbraio 2007 esce Perhaps, un disco dal vivo che è un tributo al vecchio amico Jim Tenney. Registrato a CalArts nel dicembre 2006, l'album è disponibile soltanto con download da Internet.

Nel giugno 2007, escono due CD di Robin Guthrie e Harold Budd, After the Night Falls e Before the Day Breaks, incisi nella primavera 2006. Ciascuno ha 9 tracce con i titoli collegati tra loro, es. How Distant Your Heart/How Close Your Soul e I Returned Her Glance/And Then I Turned Away.[2]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b David Toop, Oceano di suono, Costa&Nolan, 1995, p. 167.
  2. ^ After the Night Falls - Robin Guthrie | AllMusic

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 56795548 LCCN: n88674028