HMS Ipswich

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HMS Ipswich
Descrizione generale
British-White-Ensign-1707.svg
Tipo Vascello di terza classe
Classe 1719 Establishment
Proprietario/a Naval Ensign of the United Kingdom.svg Royal Navy
Ordinata 1690
Costruttori Barret
Cantiere Harwich
Varata 19 aprile 1694
Radiata 1757
Destino finale Demolita nel 1764
Caratteristiche generali
Dislocamento 1.160,3
Lunghezza 46 m
Larghezza 12,6 m
Pescaggio 5,3 m
Propulsione tre alberi a vele quadre
Armamento
Armamento 70 cannoni
  • Ponte di batteria: 26 cannoni da 24 libbre
  • Ponte superiore: 26 cannoni da 12 libbre
  • Cassero di prua: 4 cannoni da 6 libbre
  • Cassero di poppa: 14 cannoni da 6 libbre
Note
Dati dopo la ricostruzione del 1730

[senza fonte]

voci di navi e imbarcazioni a vela presenti su Wikipedia

La HMS Ipswich, prima nave da guerra della Royal Navy britannica a portare questo nome[1], è stata un vascello di terza classe da 70 cannoni varato ad Harwich il 19 aprile 1694[1].

Subì importanti lavori a Woolwich nel 1712 e venne ricostruita completamente a Portsmouth in base alle specifiche del 1719 dette 1719 Establishment (che non definivano una classe in senso stretto ma delle regole da seguire nella costruzione o ricostruzione di una nave classificata, quindi da 20 cannoni in su), venendo varata nuovamente il 30 ottobre 1730.

Partecipò alla incruenta spedizione contro Napoli del 1742, inserita nella guerra di successione austriaca come nave ammiraglia del commodoro William Martin.

Venne trasformata in pontone nel maggio 1757 a Gibilterra e demolita nel 1764[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Colledge, op. cit., p. 197.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Colledge JJ, Ships of the Royal Navy. The complete record of all fighting ships of the Royal Navy from 15th century to the present, a cura di Ben Warlow, Philadelphia & Newbury, Casemate, 2010, ISBN 978-1-935149-07-1.
marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina