Glittica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La glittica è una tecnica molto antica mediante la quale vengono incise pietre dure e gemme od altri materiali adatti. Sfruttando adeguatamente materiali costituiti da strati di differente colore, questa tecnica consente di realizzare cammei, sigilli, intagli o anche piccoli oggetti.

Cammeo di Augusto

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fra i più antichi oggetti realizzati con questa tecnica vi sono sigilli cilindrici, forati lungo l'asse, con incisioni di simboli ed altre figure, che risalgono al periodo di Sumeri, Assiri e Babilonesi, mentre i più antichi oggetti rinvenuti sono gli scarabei egiziani.

Questa tecnica era già avanzata nella Grecia antica e si perfezionò ulteriormente nell'antica Roma. L'artista più noto del periodo ellenista fu senza dubbio Pirgotele. Successivamente, nel medioevo vi fu un notevole declino finché nel Rinascimento ebbe nuovo impulso.

Al giorno d'oggi la produzione è di elevata qualità, sia dal punto di vista tecnico sia da quello artistico, ed oltre il 90% del materiale prodotto in Europa viene lavorato in Germania, a Idar-Oberstein (da dove proviene anche buona parte dell'agata grezza da lavorare).

Mentre i materiali usati nell'antichità si limitavano essenzialmente all'agata, al quarzo (ialino od ametista), la corniola, il diaspro, l'onice oltre a vetri colorati, al giorno d'oggi vengono incise praticamente tutte le qualità di gemme, compreso il diamante.

Tecnica[modifica | modifica sorgente]

Viene utilizzato un tornio ad albero orizzontale sul quale vengono montati utensili in ferro, di diverse forme e la pietra da incidere è tenuta fra le dita dall'incisore. L'utensile (che può essere un piccolo disco, a forma di cono oppure sferico o ad ago) ruota alla velocità di 3000-5000 giri/minuto ed è continuamente spalmato d'olio e polvere di diamante.
L'olio consente il raffreddamento del pezzo che viene lavorato mentre la polvere di diamante si 'fissa' sugli utensili di ferro (essendo questi più teneri del diamante) facendoli diventare abrasivi a loro volta.

Dopo l'incisione il pezzo viene pulito utilizzando materiali morbidi come il legno o il cuoio e paste abrasive finissime, insieme ad acqua.

Se occorre lavorare pietre di dimensioni eccessive per essere tenute in mano, si utilizzano fresette montate su alberi flessibili.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Walter Schumann, Guida alle gemme del mondo, Zanichelli, 1995, ISBN 8808053024.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]