Giovanni Tolu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Tolu (Florinas, 14 marzo 1822Porto Torres, 4 luglio 1896) è stato un criminale italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Vincenza Bazzoni diede alla luce con un parto gemellare uno dei più famosi banditi sardi della seconda metà dell'Ottocento; Giovanni Tolu nacque a Florinas (Sassari) nel 1822 (l'altro gemello fu Giuseppe). Il padre, Pietro Gavino, era un agricoltore laborioso e severo con i propri figli, impartendo loro un'educazione rigida secondo una sua legge personale "Figli miei: o buoni o morti".

Il 17 aprile del 1850 Giovanni Tolu sposò la serva del sacerdote Pittui, Maria Francesca Meloni Ru, nonostante la dura opposizione a queste nozze da parte del sacerdote stesso.

Giovanni Tolu si diede alla macchia dopo aver vendicato l'intromissione del sacerdote Pittui nella sua vita familiare. Lo percosse nella strada di Florinas fino a lasciarlo quasi in fin di vita, dopodiché si dette alla latitanza che durò per circa 30 anni.

Diventò una leggenda, temuta e rispettata allo stesso tempo, scampato a numerosi conflitti, aveva ucciso alcuni carabinieri, per questa sua vita avventurosa divenne una leggenda.

Dopo l'arresto, nel processo celebratosi nel Tribunale di Frosinone era stato assolto "per aver agito in stato di legittima difesa". Tornato in Sardegna si recò dallo scrittore Enrico Costa, chiedendogli di scrivere la sua biografia. Il libro fu pubblicato nel 1897, ma Giovanni Tolu non poté mai leggerlo, infatti l'anno precedente era morto improvvisamente di carbonchio.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]