Giovanni Capurro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Capurro (Napoli, 5 febbraio 1859Napoli, 18 gennaio 1920) è stato un poeta e cantautore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Giovanni Capurro

Giovanni Capurro nacque il 5 febbraio 1859 a Napoli, nel quartiere Montecalvario. Suo padre Antonio era professore di lingue e la madre Francesca Prestopino era di provenienza siciliana. Agli studi tecnici ai quali era stato avviato dal padre preferì la musica (flauto), diplomandosi al Conservatorio.

In seguito divenne giornalista presso il periodico socialista La Montagna, scrisse poi per il Don Marzio e il Roma. In quest'ultimo fu assunto nel 1896 come cronista, in seguito divenne critico teatrale e, negli ultimi anni di vita, impiegato amministrativo.

Capurro era un uomo brillante, colto e ospite gradito nei salotti ove cantava, suonava il pianoforte e faceva spassose imitazioni. Sin da giovanissimo si dedicò alla poesia pubblicando dapprima le Napulitanate nel 1887, e poi Carduccianelle, che si guadagnarono le lodi dello stesso Carducci, per la bravura dell'autore nell'utilizzare il metro delle Odi barbare nella poesia dialettale.

Scrisse anche i versi per diverse canzoni, come A vongola, del 1892. Assieme a Salvatore Gambardella scrisse Lilì Kangy.

Ma la sua composizione più famosa è indubbiamente il testo di 'O sole mio, messa in musica da Eduardo di Capua. Nonostante lo straordinario successo della canzone, Capurro, come fu per l'altro autore della canzone, morì poverissimo a Napoli nel 1920.

Canzoni[modifica | modifica sorgente]

Bella mia.jpg
copertina della partitura originale della canzone 'O sole mio
  • A vongola (1892)
  • Cutignè, cutignì, cutignà (1892)
  • Carmela 'e San Sivero (1894)
  • 'E tre chiuove (1894)
  • A tossa (1895)
  • 'E cataplaseme (1895)
  • 'O guaglione 'o speziale (1895)
  • A misturella (1896)
  • Chitarra mia (1896)
  • 'E zzite cuntignose (1896)
  • 'O pizzaiuolo nuovo (1896)
  • 'O presidente (1896)
  • 'O sculariello (versi e musica, 1896)
  • A sciantosa (1897)
  • Quanno ll'ommo va a marcià (1897)
  • Vòtate 'a cca e ggirate 'a llà (1900)
  • Palomma mia (1901)
  • A vennegna (1902)
  • Buscia!, 1° al concorso per la canzone popolare di festa di Piedigrotta del 1902, musica di Francesco Paolo Frontini (Musica)
  • Bella mia, musica di Francesco Paolo Frontini (Piedigrotta 1902)
  • Zi' Carulina (1902)
  • Nun saccio spiegà... (1904)
  • Quanno màmmeta nun ce sta! (1904)
  • Lili' Kangy (1905) (musica di Salvatore Gambardella)
  • Ammore che gira/ (1907)
  • Così, com'è (1907)
  • A capa quanno 'a miette? (1908)
  • Eh? (1908)
  • Il disperato eccentrico (1908)
  • A zarellara (1909)
  • Addò ce mette 'o musso Margarita (1910)
  • Perì-pperò (1912)
  • 'O napulitano a Londra (1915)
  • Totonno 'e Quagliarella /(1919).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 37162863 LCCN: nr00025274