George Puttenham

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

George Puttenham (Sherfield on Loddon, 1529Londra, 1590) è stato uno scrittore inglese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

George nacque nel 1529 in un piccolo villaggio dell'Hampshire, secondogenito di Robert e Margaret Elyot, sorella del noto studioso e diplomatico Thomas Elyot.

La sua fortuna di autore è dovuta a un trattatello intitolato The Art of English Poesy, scritto e divulgato verso la fine degli anni '60 Morì a Londra nel 1590.

The Art of English Poesy[modifica | modifica wikitesto]

L'opera maggiore di Puttenham, tra le più dibattute nel suo genere nell'Inghilterra del XVI secolo, è datata 1589 ed è nota col titolo di The Art of English Poesy: si tratta di un galateo rivolto ai giovani poeti inglesi, il cui dettato si estende al comportamento cortese dell'aristocrazia elisabettiana.

Il testo si divide in tre libri, dedicati nello specifico alle figure del discorso poetico, tema che va ampliandosi a più larghi orizzonti interpretativi specie nel terzo libro.

Il più eminente modello a cui questo testo si richiama è quello italiano de Il Cortegiano di Baldassarre Castiglione, da poco tradotto in inglese da Thomas Hoby nel 1561. A Castiglione si deve soprattutto il concetto di Ornament, "sprezzatura" o "decoro", affrontato da Puttenham da un punto di vista letterario (uso del dark conceit, cioè il "concetto oscuro", allegorico), ma ampliato poi all'intero universo della corte londinese, dalla retorica alla scritta al contegno morale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Camerlengo R., Il Rinascimento e Shakespeare, in Bertinetti P. (a cura di), Storia della letteratura inglese (vol. 1: dalle origini al Settecento), Einaudi, 2000, pp. 88-90.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 12653680

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura

è probabile che l'opera di Puttenham, pur pubblicata nel 1589, sia stata composta circa un ventennio prima: tale tesi è sostenuta, con valide ragioni, dalle due curatrici dell'edizione inglese di The Arte of English Poesie (G. D. Willcok e A. Walker)