George Hubert Wilkins

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
George Hubert Wilkins

George Hubert Wilkins (Mount Bryan East, 31 ottobre 1888Flamingham, 1 dicembre 1958) è stato un esploratore australiano.

Ebbe il merito di aprire un nuovo capitolo nella storia delle esplorazioni, portando con sé molti strumenti tecnici innovativi, proprio come aveva fatto prima di lui l'ammiraglio Richard Evelyn Byrd.

Grazie alle sue molteplici capacità, era pilota provetto, geografo, fotografo e ornitologo, fin da giovane si segnalò più che idoneo a partecipare ad esplorazioni scientifiche e, appena venticinquenne, partecipò alla Canadian Arctic Expedition (1913-1918) e alla British Imperial Antarctic Expedition (1920-1921). Dal 1926 al 1927 compì molti voli esplorativi sul Mar Glaciale Artico; riuscì anche ad attraversare, pilotando un aereo, la calotta polare nord passando dall'Alaska all'arcipelago delle Spitzbergen.

Nel 1928 esplorò le regioni antartiche con frequenti voli con base sulle isole Shetland meridionali: il risultato più concreto delle sue ricerche fu il rilievo della Terra di Graham, di cui riuscì a riconoscere dall'alto la struttura peninsulare e le isole prospicienti. Nel 1931 intraprese, stavolta con un sommergibile, una spedizione sotto la banchisa del mar Glaciale Artico, conclusasi tragicamente. Tra il 1933 e il 1936 divenne comandante della Wyatt Earp, e partecipò ad altre spedizioni nell'Antartide organizzate e finanziate dal magnate americano Lincoln Ellsworth.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 54139204 LCCN: n82252037

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie