Galidictis grandidieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Mangusta di Grandidier
Mungo1.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Famiglia Eupleridae
Sottofamiglia Galidiinae
Genere Galidictis
Specie G. grandidieri
Nomenclatura binomiale
Galidictis grandidieri
Wozencraft, 1986

La mangusta di Grandidier o mangusta gigante a strisce (Galidictis grandidieri Wozencraft, 1986) è un piccolo carnivoro della famiglia Eupleridae, endemico del Madagascar[2]. La specie prende il nome dal naturalista Alfred Grandidier.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Di peso compreso tra 500 a 600 g, ha una pelliccia marrone chiaro o grigiastro, con otto strisce scure in larghezza sul dorso e sui lati. La mangusta di Grandidier è più grande della congenere mangusta di Malagasy a larghe strisce (G. fasciata), ma le sue strisce non sono più larghe.[3]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Vive nel sud-ovest del Madagascar, nella foresta spinosa. Il suo areale è ristretto alla regione del lago Tsimanampetsotsa.[1]

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Notturna e crepuscolare, la mangusta di Grandidier vive in coppie che riproducono un cucciolo in un anno, in estate.[3]

Mangia principalmente piccoli vertebrati come roditori e lucertole, anche se è stata registrata a mangiare invertebrati.[3]

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

La lista rossa IUCN classifica Galidictis grandidieri come specie in pericolo di estinzione (Endangered).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Hawkins, A.F.A. 2008, Galidictis grandidieri in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Galidictis grandidieri in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005. ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ a b c http://animaldiversity.ummz.umich.edu/site/accounts/information/Galidictis_grandidieri.html Animal Diversity Galidictis grandidieri

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]