Galidictis fasciata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Galidictis fasciata
Immagine di Galidictis fasciata mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Sottordine Feliformia
Famiglia Eupleridae
Sottofamiglia Galidiinae
Genere Galidictis
Specie G. fasciata
Nomenclatura binomiale
Galidictis fasciata
(Gmelin, 1788)

Galidictis fasciata (Gmelin, 1788) è un carnivoro della famiglia degli Eupleridi[2].

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il colore di fondo del mantello è marroncino-crema; su di esso spiccano le suddette strisce longitudinali scure, che vanno dalle orecchie alla base della coda. Rispetto alle altre specie di manguste del Madagascar, ha zampe più lunghe e piedi più grandi. Maschi e femmine sono quasi indistinguibili; anche i giovani hanno lo stesso aspetto e si differenziano dagli adulti soltanto per le minori dimensioni.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Come tutte le specie della sua famiglia, è endemico del Madagascar, di cui abita le foreste orientali.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Mangia in prevalenza roditori e piccoli lemuri, ma anche rettili e anfibi.

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Sappiamo molto poco su G. fasciata, poiché l'habitat forestale in cui vive rende molto difficile compiere studi approfonditi. Sappiamo tuttavia che è più attiva di sera e nel cuore della notte. Vive in coppie che si riproducono ogni anno, nei mesi estivi.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Viene suddiviso in due sottospecie: G. f. fasciata e G. f. striatus. Esse si distinguono tra loro per l'aspetto delle strisce e della coda. La prima ha la coda bianca e sottile e cinque strisce, mentre la seconda ha la coda marrone-rossiccia e spessa e otto-dieci strisce.

Come tutte le specie della sua famiglia, si è evoluto indipendentemente da tutti gli altri Carnivori sull'isola di Madagascar, separatasi dal continente africano già dagli inizi dell'era cenozoica. In passato veniva classificato tra le manguste, nella famiglia degli Erpestidi, ma recenti studi di biologia molecolare ne hanno sottolineato la stretta parentela con altri carnivori malgasci.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Hawkins, A.F.A. 2008, Galidictis fasciata in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Galidictis fasciata in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Lioncrusher's Domain: Animal Information Pages.