Francesco Salamini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Francesco Salamini (Castelnuovo Bocca d'Adda, 18 marzo 1939) è uno scienziato e botanico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È stato professore di Botanica e fisiologia presso la Facoltà di Agraria dell'Università di Piacenza e Direttore della Sezione Maiscultura di Bergamo dell'Istituto sperimentale per la Cerealicoltura di Roma.

È stato dal 1985 al 2002 il direttore dipartimento di Miglioramento genetico e fisiologia delle piante della Max-Planck-Gesellschaft zur Förderung der Wissenschaften, di Colonia che è la più importante istituzione europea del settore.

Tornato in Italia è coordinatore nazionale del "Piano Nazionale per la Biotecnologia Vegetale" del Ministero dell'agricoltura.

È dottore honoris causa dell'Università di Bologna[1] e Chairman del Comitato Scientifico del Parco Tecnologico Padano.

Collabora come esperto scientifico alla realizzazione dell'Expo 2015[2] confermato poi nel Comitato scientifico.[3]

Nel 2007 è stato insignito della benemerenza civica dal sindaco di Castelnuovo Bocca d'Adda.

L'11 settembre 2009 è stato nominato dalla Giunta provinciale di Trento Presidente dell'Istituto agrario di San Michele all'Adige.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Il mais in collaborazione con Carlo Lorenzoni, Antonello Negri (2007) Script/Bayer CropScience
  • Introduzione al miglioramento genetico qualitativo in collaborazione con Giorgio Baldi, Mario Buiatti,-Edagricole 1973

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alma news
  2. ^ cibo: una opportunità ma anche un problema (tra i tanti del paese)
  3. ^ Comitato Scientifico dell'Expo 2015