Fortunato Bellonzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Fortunato Bellonzi (Pisa, 1907Roma, 1993) è stato uno scrittore, critico d'arte e saggista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Pisa nel 1907. Si trasferisce a Roma dove diventa scrittore, critico d'arte, saggista. Diventa segretario generale della Quadriennale di Roma. Nel 1986 vive una grave situazione economica e, dopo aver richiesto l'intervento della "legge Bacchelli", gli viene assegnato un vitalizio mensile. Muore a Roma nel 1993.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Venanzo Crocetti. Disegni ed incisioni (1997 - Postumo)
  • Scritti d'arte e di letteratura (1992)
  • Scultura figurativa italiana del XX secolo (1989)
  • Testo critico redatto per Thayaht ma mai pubblicato (1982)
  • Monet al Jeu de Paume (1981)
  • Romanelli (Monografie d'arte contemporanea) (1975)
  • Martini (1975)
  • (in collaborazione con Ennio Francia, Roma, Città del Vaticano, dintorni di Roma; guida artistica (1950)